Giunta regionale, approvato il calendario venatorio 2023/2024

di Redazione | 04 Agosto 2023 @ 15:55 | POLITICA
campitelli
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – La Giunta regionale, presieduta dal presidente, Marco Marsilio, e riunita in seduta ordinaria, su iniziativa del vicepresidente con delega all’Agricoltura, Emanuele Imprudente, ha approvato il calendario venatorio per la stagione 2023-2024. I dettagli sono visualizzabili a questo link: https://www.regione.abruzzo.it/content/giunta-ecco-i-provvedimenti-approvati-nella-seduta-di-oggi-4-agosto, nel file allegato collocato in basso.

Sempre su proposta di Imprudente,  è stata riperimetrata l’area contigua del Parco Nazionale Abruzzo Lazio Molise (PNALM) nel Comune di Castel di Sangro. Tale riperimtrazione è stata già approvata dal Pnalm ed è compensata dall’inserimento di una nuova area ricadente all’interno del territorio di Castel di Sangro.

Su proposta dell’assessore con delega personale, Mario Quaglieri, è stata disposta la proroga dell’incarico di dirigente del Servizio Assistenza Atti del Presidente della Giunta regionale, a Daniela Valenza. Conferiti gli incarichi di dirigente anche a Francesco Di Filippo, Servizio Sviluppo Locale ed Economia ittica del Dipartimento Agricoltura, a Sabatino Belmaggio Servizio Foreste del Dipartimento Agricoltura, Nicola Commito, Servizio Competitività ed Internazionalizzazione del Dipartimento Sviluppo Economico-Turismo, e ad Eliana Marcantonio – Servizio Legislativo e Normativa europea della Direzione generale. Conferiti gli incarichi di dirigente anche a Vittorio Di Biase – Servizio Genio civile di Chieti, a Pasquale Di Meo – Servizio Patrimonio e Datore di lavoro del Dipartimento Risorse, a Carlo Amoroso – Servizio Controllo- Monitoraggio del Dipartimento Lavoro-Sociale, a Nicoletta Bucco – Servizio Formazione e Apprendimento permanente del Dipartimento Lavoro-Sociale.

Nell’ambito degli interventi di sostegno regionale alle imprese operanti nel settore del turismo, l’Esecutivo, su proposta dall’assessore al Turismo, Daniele D’Amario, ha autorizzato l’affidamento diretto alla società in house FIRA Spa del servizio di attuazione della somma di 5milioni 535mila 891 euro. Si tratta di risorse assegnate alla Regione Abruzzo con delibera Cipess a valere sul Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027 per lo scorrimento della graduatoria delle istanze non finanziate per carenza di risorse finanziarie relative al Programma 2018 della legge regionale n.77 del 2000.

Ancora su proposta di D’Amario, disco verde alle linee di indirizzo per l’erogazione di contributi alle Destination Management Company (DMC) della Regione Abruzzo per l’implementazione della rete di informazione e accoglienza turistica per l’anno 2023.

Approvate, su iniziativa dell’assessore con delega al Territorio, Nicola Campitelli, le linee guida per la bonifica di “siti orfani” di discariche, procedure, analisi di rischio e progetti per la produzione di energia rinnovabile nell’ambito delle azioni previste nel piano territoriale della Regione Abruzzo e del PNRR per la bonifica ed il recupero di suolo nei cosiddetti “siti orfani”.

Sempre su proposta di Campitelli, in relazione alla legge regionale n. 45 del dicembre 2020, recante “Norme a sostegno dell’economia circolare e di gestione sostenibile dei rifiuti”, è stata stabilita la ripartizione del fondo ambientale. Nello specifico, il 30% del fondo ambientale è destinato ad interventi di prevenzione degli inquinamenti e risanamento ambientale, un altro 30% è rivolto ad azioni di sensibilizzazione ed educazione ambientale, un ulteriore 30% è legato a precisi criteri e modalità di concessione di contributi a soggetti pubblici e privati mentre il restante 10% del gettito è destinato ai Comuni dove sono ubicati le discariche o gli impianti di incenerimento senza recupero energetico e ai Comuni limitrofi. Riguardo a questo 10% dei fondi, per l’assegnazione delle risorse si  dovranno applicare i seguenti punti percentuali: 5% caratteristiche socio-economiche ambientali dei territori interessati, 30% superficie dei Comuni interessati, 60% popolazione residente nell’area interessata e 5% sistema di viabilità asservita.

Su proposta dell’assessore con delega all’Edilizia residenziale pubblica, Mario Quaglieri, la Giunta ha autorizzato il Comune di Cepagatti alla riserva del 15% degli alloggi di edilizia residenziale pubblica assegnati per un limite temporale di due anni per far fronte a situazioni di emergenza. Ancora su proposta di Quaglieri, approvato il piano di vendita degli alloggi dei servizi residenziali pubblici per l’anno 2023, proposto dal Comune di Celano.


Print Friendly and PDF

TAGS