Ghiacciaio del Calderone: scoperta una nuova specie animale

di Redazione | 05 Gennaio 2022 @ 16:00 | AMBIENTE
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Nuove scoperte sul ghiacciaio del Calderone sul Gran Sasso. E’ stata scoperta una specie appartenente ai collemboli, piccoli animali simili a insetti a cui appartengono le cosiddette “pulci dei ghiacciai”.

Una specie animale nuova per la scienza, ma pare che sia a forte rischio di estinzione.

Il ghiacciaio del Calderone è all’interno del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

La nuova specie animale è stata denominata “Desoria calderonis” proprio per associare al nome il luogo nel quale è stata individuata e di cui è probabilmente esclusiva.

E’ stata scoperta e descritta grazie ad uno studio condotto sul ghiacciaio e coordinato dall’Università Statale di Milano e dall’Università dell’Aquila, Univaq. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica internazionale European Journal of Taxonomy.

A condurre la ricerca è stato un team coordinato da Marco Caccianiga e Barbara Valle, dell’Università Statale di Milano, e da Michele Di Musciano, dell’Università dell’Aquila, che ha coinvolto un gruppo di studiosi delle università di Milano, L’Aquila e Siena. Il lavoro svolto sul campo è stato impegnativo e particolarmente complesso e si è avvalso del prezioso supporto del Rifugio Franchetti.

“Questo piccolo animale – spiegano gli studiosi – si è rivelato essere esclusivamente legato al poco ghiaccio coperto da detrito che ora costituisce quel che rimane del Ghiacciaio, in via di rapida scomparsa a causa del riscaldamento climatico. Appena scoperta, è quindi già fortemente a rischio d’estinzione nel prossimo futuro, insieme ad altre specie ancora da scoprire. Questi studi sono essenziali per fornire nuove conoscenze sul rischio di estinzione delle specie in seguito ai cambiamenti climatici, essenziali per indirizzare le politiche di gestione e conservazione della biodiversità. Inoltre, forniranno informazioni utili su scala globale, in quanto gli ambienti di alta quota sono da tempo riconosciuti come delle vere e proprie sentinelle dei cambiamenti climatici”, concludono.

Foto Ansa


Print Friendly and PDF

TAGS