“Futuro al Centro”, Univaq con le università del Centro Italia per una strategia di valorizzazione condivisa

di Redazione | 21 Giugno 2024 @ 15:29 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

È stato presentato ieri mattina a Roma il progetto “Futuro al Centro” che vede otto Università del Centro Italia unite per la prima volta, con l’obiettivo di rispondere alle giovani studentesse e ai giovani studenti che cercano prospettive di realizzazione professionale ed umana.

Si tratta di un’iniziativa congiunta di valorizzazione, promossa dall’Università degli Studi dell’Aquila, dall’Università degli Studi di Camerino, dall’Università degli Studi “G. D’Annunzio” Chieti-Pescara, dall’Università degli Studi di Macerata, dall’Università Degli Studi di Perugia, dall’Università Politecnica delle Marche, dall’Università degli Studi di Teramo, dall’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo e presentato dai rispettivi Magnifici Rettori e dai Direttori Generali per illustrare l’offerta formativa, mettendo in comune risorse e know-how.

 Un’occasione per mettere in evidenza le mille opportunità possibili, tra progetti internazionali, le esperienze all’estero, i servizi e le agevolazioni, le attività legate al territorio, i percorsi post-laurea e i numerosi rapporti con il mondo delle organizzazioni e delle imprese.     

“Futuro al Centro” è dunque un’opportunità concreta per entrare in contatto con degli Atenei che negli anni hanno sempre dimostrato grande capacità attrattive. Dimostrazione di quello che sono ma anche parte integrante di territori a misura di studenti e studentesse. “Crescere” in Abruzzo, Marche e Umbria vuol dire “vivere” tra moderne città, centri storici impregnati d’arte, località marine e paesaggi naturali, con ottime condizioni di vita e opportunità di lavoro che si possono raggiungere, contribuendo allo sviluppo di questa parte d’Italia che si caratterizza di micro, piccole e medie imprese.

La prima tappa di questo percorso sarà una campagna condivisa di comunicazione e promozione su scala nazionale, non solo nelle Regioni degli Atenei ma anche su Milano, Torino, Roma e Napoli.

Le dichiarazioni del Rettore Edoardo Alesse dell’Università dell’Aquila  

Futuro al Centro, oltre che una precisa definizione spazio-temporale è la testimonianza di un impegno forte che gli Atenei di Abruzzo, Marche ed Umbria vogliono offrire agli studenti di questi e di altri territori a garanzia di un futuro di qualità. Strumenti operativi di questo progetto saranno la valorizzazione coordinata dell’offerta formativa, estremamente ampia e di grande pregio, e la definizione di strategie integrate di ricerca e di terza missione. Siamo tre territori contigui, un’area vasta che condivide storia, fragilità, necessità ma anche eccellenze accademiche e produttive, che già da tempo collaborano in maniera efficace con lo sguardo al benessere delle future generazioni e alla tutela e allo sviluppo sostenibile del territorio, oltre ogni conflittualità e competizione. Insomma, un Futuro al Centro, bello, condiviso e accessibile a chiunque”.


Print Friendly and PDF

TAGS