Furti a Tornimparte: i consigli dei carabinieri per tenere lontani i ladri

di Marianna Gianforte | 12 Febbraio 2022 @ 06:00 | UTILI
Scoppito
Print Friendly and PDF

TORNIMPARTE – Dopo i diversi furti avvenuti nei giorni scorsi è tanta la paura in paese, soprattutto tra le persone più anziane, le più fragili e spesso sole, che vivono le intrusioni dei ladri come un vero e proprio shock, anche quando si tratta di furti di lievi entità.

E il pensiero va a quella notte di novembre del 2016 quando nella frazione di Villagrande tre uomini con il volto coperto sono entrati in una casa abitata da una coppia di anziani picchiandoli, poi messi in fuga dal figlio, del quale non si erano accorti, dopo una dura colluttazione.

Proprio ai più anziani, in modo particolare, si rivolgono i carabinieri della stazione locale, guidati dal comandante Antonello Cattivera, con alcuni consigli molto semplici ma che possono davvero aiutare a proteggersi da sgradite visite.

Nella maggior parte dei casi si tratta di bande ben organizzate, ladri conoscitori delle abitudini dei malcapitati. I consigli del maresciallo:

“Il primo consiglio, forse il più scontato e per questo poco preso sul serio, è di lasciare sempre una luce accesa nelle ore notturne, cambiando stanza ogni volta. Attenzione, poi, alle telefonate a vuoto, quelle fatte per verificare le abitudini delle persone e senza alcuna risposta. Mai lasciare le chiavi alla porta e chiudere i garage e le rimesse, specie se comunicano con le abitazioni”.

Non solo: occorre fare attenzione anche al supermercato, mai lasciare la borsa incustodita sul carrello, e non viaggiare in macchina con il finestrino alzato, perché qualche malintenzionato potrebbe infilare il braccio e repentinamente portar via la borsa. Riporre oggetti di valore, borse e zaini nei portabagagli assicurandosi di non esser visti per evitare che qualcuno possa notarlo e poi scassinare l’auto portando via il tutto, ad esempio all’ingresso di locali, discoteche, prima d’intraprendere una sessione sportiva nel parco.

Cattivera mette in guardia anche da un pericolo molto importante: quello dei furti a coloro – per lo più anziani – che vanno a prelevare al bancomat o al bancoposta (o a prelevare la pensione) da soli e, ancor peggio, nelle ore con poca visibilità: scegliere la luce del giorno e soprattutto farsi accompagnare. Importantissima è, poi, la collaborazione tra vicini di casa: controllarsi gli uni con gli altri e mai pubblicizzare sui social la partenza per una vacanza. A proposito di abitazioni: meglio evitare di rendere visibili gli interni, con il loro carico di oggetti, quadri, elettrodomestici e così via. Non fidarsi degli sconosciuti che suonano alla porta e dei finti operatori di enti che avallano la scusa di controlli per perdite di gas e simili. Il comandante aggiunge:

“Sollecitiamo tutti, e soprattutto le persone anziane, a posizionare in bella evidenza il numero 112, da chiamare in caso di necessità: si sa che nei momenti di panico non ci si rende ben conto di cosa fare, averlo davanti a sé può aiutare”.

Il maresciallo annuncia che nei prossimi giorni si terrà una iniziativa di prevenzione organizzata dai carabineiri della stazione di Tornimparte, rivolta in modo particolare agli anziani, per parlare con loro di come difendersi dai furti e come prevenire:

“Illustreremo una sorta di vademecum contro i furti, sulla stessa linea adottata negli anni scorsi: un occhio di riguardo alle truffe e alle truffe online, alle clonazioni di carte di credito, al furto di dati online. Si tratta di un’iniziativa che rientra in un programma più ampio sulla prevenzione e la cultura della legalità, che partirà dalle scuole elementari e medie di Palombaia per spaziare poi all’intera provincia dell’Aquila: il progetto “Corso formativo sulla legalità”, tramite il quale gli esperti dell’arma dei carabinieri affronteranno insieme agli studenti e alle studentesse – insieme ai tanti temi – anche quelli delicatissimi del bullismo e cyberbullismo”.

Antonello Cattivera

 


Print Friendly and PDF

TAGS