Furfaro: “Diseguaglianze in crescita, per l’Abruzzo si è fatto poco”

di Alessio Ludovici | 09 Febbraio 2024 @ 06:00 | VERSO LE ELEZIONI
furfaro all'aquila
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Persone, partecipazione, pari dignità”, questo il tema dell’incontro di ieri, organizzato dal Pd dell’Aquila. In città per l’occasione l’onorevole Marco Furfaro, capogruppo in Commissione Affari sociali alla Camera e componente della segreteria nazionale del Partito Democratico, che ha dialogato con il candidato presidente di Regione Abruzzo, Luciano D’Amico.

Con loro Massimo Prosperococco, attivista per i diritti delle persone con disabilità, e i candidati consiglieri regionali Rita Innocenzi e Pierpaolo Pietrucci.

“Le diseguaglianze – spiega Furfaro – negli anni sono aumentate, anche negli anni in cui c’era il centrosinistra, è un onda lunga che va avanti da 15-20 anni che va fermata. Oggi c’è bisogno di mettere al centro le persone. Purtroppo il governo italiano continua a mettere al centro un’idea di società profondamente classista che privilegia chi ha molto e lascia indietro chi ha niente”. Il deputato del Pd ha ricordato il taglio di 400 milioni di euro dei fondi destinati alle persone con disabilità, le difficoltà sul ‘Dopo di Noi’, sui fondi destinati alla ‘Vita indipendente’ e agli ‘Assegni di cura’ che dovrebbero essere garantiti per il tramite dei Comuni e che, al contrario, restano congelati, sebbene si tratti di un supporto fondamentale per le persone con disabilità e per le famiglie che in tanti, troppi casi, debbono affrontare in solitudine la cura dei propri cari.

Infine la stoccata sull’autonomia differenziata. “Siamo fermamente contrari. Sentiamo spesso declinare la parola patria a sproposito, ma chi ha a cuore la patria deve sapere che una società funziona quando ci si prende cura di tutte e di tutti. L’autonomia differenziata ha un difetto, fa crescere i divari tra regioni ricche e regioni meno fortunate. Noi vogliamo che ci sia una redistribuzione delle risorse, le problematiche vanno affrontate con una visione d’insieme nazionale”.


Print Friendly and PDF

TAGS