Frequenta siti d’incontri, il Giudice gli addebita la separazione

Studio Cataldi

di Redazione | 06 Marzo 2021 @ 07:25 | LA LEGGE E LA DIFESA
Print Friendly and PDF

Frequenta siti d’incontri, il Giudice gli addebita la separazione. Un altro caso di addebito della separazione al marito. Questa volta il motivo è che l’uomo frequentava donne su siti di incontri online a pagamento. Bocciato il ricorso dello stesso alla Cassazione che anzi, ha ritenuto corretta la sentenza della Corte d’Appello. 

Infondata secondo la Corte la contestazione che riguarda l’addebito della separazione.

La Corte d’Appello ha dettagliatamente analizzato l’episodio del 16 luglio 2013 e la versione del marito, ritenuta inverosimile, così come gli sms e i documenti prodotti dalla moglie. Questi provano i pagamenti effettuati al sito d’incontri, elementi che dimostrano i fatti rilevanti e non plausibile la versione dell’uomo. Una condotta che dimostrerebbe non solo la mancaza dell’affectio maritalis ma prefigura anche un comportamento lesivo della fiducia del partner. 

Le telefonate alle hot line, pur non essendo necessariamente prova di un rapporto extraconiugale, costituiscono tuttavia un atteggiamento lesivo della dignità del partner proprio ed evidenzia uno stato d’animo incompatibile con un leale rapporto di coniugio.

 


Print Friendly and PDF

TAGS