Fratelli d’Italia, il bilancio dei primi mesi di governo per l’Abruzzo: “Orgogliosi di quanto fatto”

di Alessio Ludovici | 24 Gennaio 2023 @ 07:18 | POLITICA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Cento giorni per l’Abruzzo, cento giorni per l’Italia. Riflessioni e prospettive”. I Fratelli d’Italia abruzzesi si sono ritrovati ieri all’Aquila, i parlamentari eletti insieme al gruppo al consiglio regionale e agli amministratori del territorio, per un bilancio dei primi mesi di governo. Del resto le attese sono altissime, in Abruzzo Fratelli d’Italia ha avuto uno dei risultati migliori d’Italia alle politiche, qui è stata eletta la premier Meloni, qui sono nate le esperienze di governo del territorio, quella di Biondi all’Aquila prima e di Marsilio poi, che hanno dato il là alla crescita del partito. Insieme alla Meloni è approdata in parlamento una truppa di parlamentari, con qualche paracadutato ma anche con diversi abruzzesi e il primo storico parlamentare della destra aquilana, il senatore Liris. Insomma, aspettative alte, lo sanno anche loro e ci tengono a raccontare puntualmente quanto stanno facendo. All’incontro all’Emiciclo a raccontarlo ci sono senatori Etelwardo Sigismondi e Guido Quintino Liris, i deputati Guerino Testa, Rachele Silvestri e Fabio Roscani, e per l’occasione anche il presidente del gruppo FdI del Senato, Lucio Malan

“Cento giorni intensi e complicati” ha esordito Sigismondi. “La situazione che abbiamo trovato non era semplice, l’abbiamo affrontata con determinazione e spirito di squadra”. E poi passa a spiegare i principali dossier seguiti. La vertenza sui tribunali minori, quelli di Avezzano, Sulmona, Lanciano e Vasto, in via di soppressione. “Abbiamo deciso di far visita a tutti per poter interloquire direttamente con presidenti, procure, ordini”. “Abbiamo incontrato Nordio e il sottosegretario Del Mastro – spiega Sigismondi – e nel milleproroghe c’è un emendamento a firma mia e di Liris per chiedere la proroga triennale e la riapertura delle piante organiche. C’è una presa di posizione del Governo che ha ricevuto una delegazione, la giustizia di prossimità rappresenta un valore, una posizione che ci fa sperare.”

Poi il tema della sicurezza: “Abbiamo incontrato il sottosegretario Prisco sul tema della sicurezza, soprattutto nei territori di confine, impegno rispettato in legge di bilancio dove ci sono stanziati 45milioni per la videosorveglianza per i Comuni che parteciperanno ai bandi che il ministero andrà a proporre. Abbiamo iniziato la visita delle carceri, iniziando proprio dalle Costarelle dell’Aquila insieme al garante dei detenuti Cifaldi e al direttore della Asl, Ferdinando Romano.

Partita della infrastrutture. Sigismondi fa il punto delconfronto con Salvini e con il viceministro Galeazzo Bignami. “Scongiurato il rincaro delle tariffe di A24 e A25 e c’è l’impegno da parte del governo per ridurre il costo del pedaggio della tratta che, oggi, è la più costosa d’Italia. Ci siamo occupati anche della A14, la terza corsia e della Roma – Pescara, infrastruttura strategica per la quale abbiamo chiesto di trovare i finanziamenti, oggi c’è solo 1,7 miliardi, ne servono altri 5″.

Sempre nel milleproroghe c’è un emendamento per la proroga del commissariamento per la messa in sicurezza dell’acquifero del Gran Sasso, c’è bisogno di un’ulteriore proroga per concludere i lavori. 

Parola a Liris: “Sono felice che Lucio Malan  possa vedere la nostra squadra di parlamentari abruzzesi. Tanti emendamenti nascono in questi territori e sono stati inascoltati negli anni. In finanziaria ci sono oltre 50milioni per la città dell’Aquila”. Poi Liris sottolinea il valore della scelta di Guido Castelli quale commissario Sisma 2016/2017, un investimento politico di Giorgia Meloni spiega, Castelli è assessore alla ricostruzione della Regione Marche, l’altra regione a guida Fdi. “C’è ancora da fare, ci saranno da garantire risorse e personale, c’è un emendamento nel milleproroghe per stabilizzare i precari della ricostruzione del sisma 2016/2017 e parallelamente c’è un decreto sisma che comincia l’iter in Senato con relatore proprio Ethel Sigismondi”.

“Abbiamo attenzionato gli operatori della neve, abbiamo incontrato la Santanché e abbiamo assicurato un ristoro a tutti gli operatori della neve, c’è stata garantita attenzione dal ministro e ci ha detto anche riservatamente che le risorse ci sono e ci saranno. Abbiamo posto l’attenzione del ministro Fratin la questione dei vincoli ambientali”. “Questa – ha spiegato Liris – è la regione più bella e più protetta del mondo, ma significa avere anche diversi ostacoli nelle sviluppo”, e ha citato quindi i casi di Pietracamela, di monte Stabiata e naturalmente dei bacini sciistici. Sul superbonus Liris ha garantito l’impegno affinché vengano coinvolti tutti gli edifici danneggiati dai sismi.

Guerino Testa ha informato degli incontri con il ministro Schillaci, sanità. La regione, ha ricordato Testa, sarà impegnata in una grande discussione sulla rete ospedaliera. “Grandissima interolocuzione” anche con Fitto su una delle grandi partite politiche che si giocherà in Europa, la Bolkestein.

“Dobbiamo essere orgogliosi” hanno ribadito Rachele Silvestri e Fabio Roscani: “Questi primi 100 giorni del governo Meloni sono arrivati in un momento delicati, dobbiamo essere orgogliosi di una legge di bilancio fatta in un momento complicato ma che ha restituito un’idea del paese”. I complimenti al lavoro della truppa parlamentare sono arrivati anche da Pierluigi Biondi che individua un preciso merito di questi primi mesi: “La legge di bilancio ha rimesso al centro gli enti locali”.

Quindi la riflessione di Lucio Malan, presidenti dei senatori di Fratelli d’Italia:  “Mi trovo a casa perché come Fratelli d’Italia agiamo veramente come una comunità, una grande squadra dove si cerca di raggiungere un risultato avendo un obiettivo comune. Molti problemi sono stati affrontati tempestivamente nella situazione più difficile dal dopoguerra”. Malan ha ripercorso gli interventi per far fronte alla crisi energetica, 30 miliardi stanziati dal governo. “Solo l’annuncio di interventi per rilanciare la produzione nazionale ha contribuito a diminuire il prezzo del gas” secondo Malan. Poi la questione della denatalità: “In poche settimane ci sono stati interventi importanti, abbiamo aumentato l’assegno unico, come le pensioni minime, e diminuito l’iva sui prodotti per i bambini”.  “C’è un clima positivo da parte degli italiani, anche in chi non ha votato centrodestra perché si percepisce la sincera e autentica volontà di impegnarsi per il bene della nazione.” E c’è fiducia anche a livello internazionale secondo Malan: “Ci dicevano che avremo fatto spese pazze e che il prestigio dell’Italia sarebbe sceso, è successo esattamente il contrario”. 


Print Friendly and PDF

TAGS