Fp Cgil: “Atto di diffida per persistente carenza dotazione organica alla Radiologia ospedale Sulmona”

di Redazione | 10 Giugno 2021 @ 15:00 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

SULMONA – Il segretario Generale FP CGIL L’Aquila Anthony Pasqualone ha inviato una diffida al Direttore Generale ASL 1 Avezzano-Sulmona-L’Aquila Testa, al Direttore Sanitario d’Azienda ASL 1 Avezzano-Sulmona-L’Aquila Mascitelli, al Direttore di Dipartimento Tecnologie Pesanti Di Pietro, all Responsabile della UOSD di Radiologia P.O. di Sulmona Mariani e per conoscenza ai Dirigenti Medici della UOSD di Radiologia del P.O. di Sulmona, a causa della “persistente carenza di dotazione organica”

Questo è l’atto di diffida della Fp Cgil

Con la presente nota, la scrivente FP CGIL, torna nuovamente a denunciare la condizione di persistente carenza di personale Medico presso la UOSD di Radiologia del P.O. di Sulmona.

Nonostante, infatti, le numerose segnalazioni fatte in merito, la drammatica situazione, che oramai da numerosi mesi affligge in modo esasperante il personale medico dell’U.O. in oggetto, abbiamo potuto riscontrare, con sommo rammarico, che le azioni intraprese per porvi rimedio, non hanno in alcun modo sortito gli effetti desiderati generando, nei confronti del personale stesso, un senso di abbandono e lassismo che non trova, da parte nostra, alcuna giustificazione.
Il personale medico della UOSD di Radiologia del P.O. di Sulmona consta attualmente di sole quattro unità in servizio a causa di assenze a vario titolo; inoltre, detto personale, risulterebbe essere mal gestito.

Lo scenario esistente è altamente preoccupante da cui deriva una enorme difficoltà nella copertura dei turni di servizio che, oltretutto, venendo consegnati settimanalmente, incidono negativamente sul rendimento ottimale delle fondamentali prestazioni erogate dal personale succitato, senza tralasciare il fatto che, allo stato attuale, si rischia la severa compromissione della programmazione congrui periodi di riposo, tra cui le ferie estive, che, a quanto ci risulta, non sarebbero ancora state pianificate e che rappresentano, in ogni caso, un diritto intrasgredibile, di tutte le lavoratrici e lavoratori.

Giova inoltre ricordare che, ad ogni buon conto l’impiego corrente di personale medico proveniente dal P.O. dell’Aquila a supporto del personale medico del P.O. di Sulmona, tramite il ricorso a prestazioni aggiuntive, oltre a rappresentare un cospicuo esborso di risorse economiche aziendali, non può e non deve essere considerata una soluzione definitiva alla problematica sopra esposta.

Alla luce di quanto sin ora rappresentato, la scrivente Parte intima e diffida Codesta ASL, affinché disponga una idonea, stabile e pronta integrazione del personale carente, in via definitiva, così da non violare ulteriormente l’integrità lavorativa di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori che, con enorme sacrificio compiono ogni giorno il loro dovere, svolgendo al meglio il servizio assistenziale per cui sono chiamati.
In attesa di solerte riscontro, l’occasione resta gradita per porgere cordiali saluti.

Il Segretario Generale FP CGIL L’Aquila
Anthony PASQUALONE


Print Friendly and PDF

TAGS