Forza Italia c’è e si vede, pienone all’Aquila per Tajani. Nel partito anche Marcozzi e Santangelo

di Alessio Ludovici | 29 Luglio 2023 @ 06:00 | POLITICA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Dovranno aspettare un po’ le cassandre che prevedevano il peggio per Forza Italia dopo la scomparsa di Silvio Berlusconi, a ribadirlo ieri all’Aquila il ministro Antonio Tajani che ha tenuto a battesimo l’ingresso nel partito di Sara Marcozzi, ormai ex consigliera regionale del M5S, e Roberto Santangelo, vicepresidente dell’assise regionale e presidente del consiglio comunale del capoluogo.

Bagno di folla per il segretario nazionale. Ad attenderlo a palazzo Fibbioni tanti volti noti di Forza Italia regionale e locale: l’onorevole Nazario Pagano, il presidente del consiglio regionale Lorenzo Sospiri, i consiglieri regionali Febbo e Angelosante, l’ex parlamentare Antonio Martino, i consiglieri comunali Maria Luisa Ianni, Guglielmo Santella e Laura Cococcetta. Ancora, imprenditori come Eliseo Iannini, ed ex amministratori come Giorgio De Matteis Adriano Durante, sindaci, anche Masci da Pescara al quale Tajani ha ribadito il pieno sostegno, e consiglieri del territorio. Insomma, la risposta di Forza Italia alla fuoriuscita di Roberto Tinari, passato all’Udc, è muscolare: oggi Forza Italia diventa il primo gruppo consiliare in regione

Nella sala Rivera di Palazzo Fibbioni Tajani si è soffermato con militanti e giornalisti. Ha ribadito la buona salute del partito e, anzi, fatto intendere che in tanti bussano alla porta. Un partito, ha ribadito, riformista, liberale e atlantista. Il ministro si è quindi soffermato su alcune questioni nazionali, ha illustrato la proposta di Forza Italia sul salario minimo, ancorato ai contratti di lavoro nazionali nella visione di Tajani, sul rialzo dei tassi operati dalla Bce, “sono fortemente contrario”. 

Soddisfatti dei nuovi ingressi Sospiri e Pagano che hanno sottolineato la centralità di Forza Italia nel centrodestra. Tanti i passaggi anche in memoria di Berlusconi con Pagano ha auspicato che il ricordo, anche e forse soprattutto all’Aquila, possa concretizzarsi nell’intitolazione di una strada o uno spazio pubblico. 

Dopo l’incontro con gli amministratori del partito, il Ministro ha voluto fare visita alla cappella della Memoria nella chiesa delle Anime Sante, per dirigersi quindi verso l’Emiciclo del consiglio regionale dove ha fatto visita al “Villaggio del Pastore”, evento legato al festival “TRA – La transumanza che unisce”.

 

 

 


Print Friendly and PDF

TAGS