Forestale ambientale, alla Camera si discute del ripristino. Cominciate le audizioni

di Alessio Ludovici | 17 Marzo 2021 @ 07:01 | AMBIENTE
forestali ferfa Riforma Madia
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Ci siamo! La traversata nel deserto sta per terminare. La diaspora forestale sta per essere ricomposta”. E’ l’annuncio della Federazione per la Rinascita della Forestale Ambientale. Ieri infatti sono iniziate alla Camera dei Deputati le audizioni informali sui progetti di legge che propongono il ripristino della Forestale ad ordinamento civile.
 
Proposte rilanciate proprio dall’Aquila questa estate in un convegno della Ferfa all’Auditorium del Parco. Le proposte sono in parlamento e sostanzialmente prevedono la creazione di una vera forza civile di prevenzione, controllo, tutela e polizia ambientale articolata lungo tutta la filiera dell’ambiente, con un’organizzazione amministrativa incardinata nel comparto sicurezza.
 
Un tema ancora più urgente se è vero come è vero che il Next Generation Eu deve avere una forte impronta ambientalista.  “L’Italia – aveva detto Alessandra Stefani all’Aquila, idealmente l’ufficiale più alto in grado del disciolto Corpo – “non può non essere sostenibile. C’è bisogno di gente che sappia fare, i forestali sono pronti“.

Ieri in Commissione sono stati ascoltati Fare Verde e l’Unione dei Forestali Italiani, nei prossimi appuntamenti della Commissione verranno calendarizzate le altre audizioni. “Ci chiediamo – afferma la Ferfa –  se con tutto ciò che sta per accadere sarà possibile continuare a ignorare (solo per non dispiacere il suo narcisistico autore) che l’Italia sia il solo Stato dell’Unione Europea che si è privata nel 2017 del Corpo forestale”. “Non c’è più tempo da perdere, bisogna discutere i progetti di legge già presenti in Parlamento per ripristinare la Forestale, perché le donne e gli uomini dell’ex CFS stanno invecchiando e con loro si perderà per sempre il sapere e la competenza tecnica nella tutela dell’ambiente boschivo e montano prestati al servizio dell’Italia per circa 200 anni.”

 

Print Friendly and PDF

TAGS