Fioravanti: “Gran Sasso centrale per prossima amministrazione”

di Redazione | 06 Maggio 2022 @ 13:49 | VERSO LE ELEZIONI
Fioravanti
Print Friendly and PDF

L’AQUILA  –  Il candidato della Lega al consiglio comunale de L’Aquila Giorgio Fioravanti sottolinea la centralità del Gran Sasso e Campo Imperatore per la prossima amministrazione. 

“Molte cose sono state fatte in questi anni, per questo le ambizioni per il prossimo lustro di amministrazione sono altissime. In questi ultimi 5 anni è stata attuata una politica di programmazione d’interventi per uno sviluppo sostenibile e strutturale dell’area di Campo Imperatore. Ricordo che sono stati affidati lavori da 3,8 milioni di euro per il restauro dell’Albergo storico di Campo Imperatore, che verrà rigenerato in un resort con piscina e centro benessere annessi;  sono stati impegnati 1,7 milioni di euro di fondi europei per la riqualificazione del Piazzale Marco Simoncelli, che vedrà sorgere una scala mobile per raggiungere in maniera meccanizzata il Piazzale di Fonte Cerreto; nonché un’area sosta per 24 camper, un nuovo info-point munito di biglietteria e nuovi spazi dedicati alle attività di street-food, liberando il Piazzale di Fonte Cerreto, come richiesto dalla comunità di Assergi. Inoltre sono stati impegnati 900.000 euro dal fondo complementare del PNRR, per implementare la sicurezza dei tanti utilizzatori dei servizi di Campo Imperatore, per un’importantissima manutenzione della Funivia del Gran Sasso programmata per la fine della stagione estiva” Fioravanti sottolinea: “alla luce dei numeri da record registrati nella stagione invernale appena conclusa e dalle migliaia di presenze nelle ultime stagioni estive, porterò all’attenzione della prossima amministrazione moltissime idee che valorizzeranno ancor di più lo sviluppo turistico delle nostre aree interne” e continua: “Bisogna realizzare: un nuovo ed efficiente impianto fognario che riesca a sopperire al già elevato fabbisogno attuale la realizzazione dell’impianto di innevamento programmato che consentirebbe di inaugurare la stagione invernale a novembre, mese fondamentale per la fruizione da parte degli sci club e scuole sci di tutto il centro-sud; inoltre c’è la necessità di  portare a termine ciò che la città aspetta da decenni ovvero la realizzazione del Piano Speciale Territoriale Scindarella-Montecristo, bloccato da anni a causa del relativo vincolo ambientale SIC E ZPS, superando l’impasse burocratico che ne impedisce la realizzazione” e conclude: “la mia azione sarà ricolta alla realizzazione di un piano per lo sviluppo infrastrutturale del nostro territorio montano al fine di dare quel meritato respiro al relativo indotto e di creare nuovi posti di lavoro per i nostri figli”


Print Friendly and PDF

TAGS