Fibromialgia, diagnosi e trattamenti. I consigli di Carlo Di Stanislao

L'agopuntura è la terapia più accreditata per la cura della Fibromialgia

di Giovanni Chilante | 10 Settembre 2023 @ 07:28 | SALUTE E ALIMENTAZIONE
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Proseguono gli appuntamenti dedicati agli approfondimenti scientifici. Agopuntura e Fibromialgia sono gli argomenti che affronteremo grazie alla disponibilità di Carlo Di Stanislao, dermatologo ed esperto di medicina orientale.

Dottor Di Stanislao, ci fornisce una chiara definizione di fibromialgia?

  • La fibromialgia (o FMS) è definita come una sindrome da sensibilizzazione centrale caratterizzata dalla disfunzione di neurocircuiti preposti alla percezione e trasmissione delle afferenze nocicettive, con estrinsecazione del dolore a livello dell’apparato muscolo scheletrico. Oltre al dolore possono essere presenti molteplici sintomi di accompagnamento come astenia, disturbi del sonno, turbe cognitive, problemi psichici e sintomi neuro cognitivi e neurovegetativi.

Come si giunge ad una diagnosi?

  • La FMS richiede una valutazione complessiva da parte del Medico di Medicina Generale e successivamente del Reumatologo per ciò che concerne il dolore, le comorbidità e il contesto psicosociale. La diagnosi clinica si basa sul riscontro anamnestico dei sintomi che devono essere presenti da almeno tre mesi e che sono rappresentati da dolore muscoloscheletrico cronico e diffuso con sensazione di bruciore, affaticamento e astenia, turbe del sonno, disturbi neuro cognitivi e turbe psicoaffettive. La FM viene diagnosticata solo sulla base dell’esame clinico del paziente senza test di laboratorio di conferma.

Quali sono le terapie in chiave di medicina scientifica?

  • La strategia farmacologica, diversificata sulla base dei sintomi e approcciata in maniera progressiva, si avvale dell’uso di farmaci anticonvulsivanti, inibitori della ricaptazione della serotonina, farmaci antidepressivi, benzodiazepine, cannabinoidi. Oltre la terapia farmacologica viene consigliato il miglioramento dello stile di vita, in particolare un incremento graduale dell’attività fisica, ripetuti cicli di fisioterapia e massoterapia (leggera e rilassante) oltre a terapie termali, idroterapia, terapie psicologiche di tipo comportamentale cognitivo abbinate a sedute di ipnosi terapeutica. Le ultime linee guida della Società Italiana di Reumatologia (SIR) prevedono inoltre l’associazione di terapie di movimento meditativo (Qi Qong, Yoga e Tai Chi) e l’Agopuntura che, in quanto medicina energetica, interviene direttamente sulle cause del dolore inteso come ristagno di energia.

E in Medicina Cinese?

  • In MTC non si considera la differenza tra sindromi algiche di origine psichica o fisica in quanto entrambe vengono considerate come un segnale che testimonia la presenza di una alterazione energetica. L’agopuntura, che fa parte della Medicina Tradizionale Cinese (MTC), mette in risalto la stretta connessione tra stati algici e squilibri psicosomatici ed evidenzia la stretta relazione che si stabilisce tra medico e paziente. In relazione a questo considera il massaggio una terapia aggiuntiva che consente un opportuno feeling per la riuscita della terapia. In Agopuntura, infatti, la teoria del dolore è espressa dal detto: “Bu tong ze tong, tong tong ze bu” che significa “libero flusso: nessun dolore, nessun libero flusso: dolore“. Il dolore è quindi considerato come l’interruzione del libero flusso dell’energia vitale (o qì) all’interno del corpo umano, dunque la sindrome fibromialgica è vista come una sindrome dolorosa con associate turbe neurovegetative e psicoaffettive in cui si è creato un blocco dell’energia vitale, che non circolando più crea “un ingorgo energetico “causa della sintomatologia algica e psiconeurovegetativa. Nella Fibromialgia, inoltre, dove il dolore è il sintomo dominante, si associano inoltre disarmonie energetiche di alcuni organi quali: il fegato (gan), la milza (pi), il rene (shen) ed il cuore (xin), con un conseguente alterazione e squilibrio della funzionalità di tutto l’insieme dell’organismo, soprattutto negli stati più avanzati della malattia. Tutto questo avviene perché il concetto fondamentale della MTC è legato al flusso energetico, che si muove attraverso i Meridiani (detti “mai” che sono canali di trasporto dell’energia/qi), e che collegano dal punto di vista anche energetico i vari organi del corpo fra di loro; si intuisce così come un blocco o un alterato flusso energetico in un punto può creare alterazioni del funzionamento dei vari organi e visceri anche non apparentemente correlati. In MTC per la quale la stasi del Qi (Energia) determina dolori mobili mentre il blocco dell’Energia Sangue dolori fissi, i quadri riferibili alla Sindrome Fibromialgica possono anche essere classificati come ‘falsi reumatismi’, aventi come causa: Deficit di Sangue ed Energia – Deficit di Fegato e Reni – Liberazione di Vento Interno.

Potrebbe parlarci dei trattamenti?

  • Sulla scorta di questo l’Agopuntura propone trattamenti mirati atti ad alleviare non solo il dolore, che è il sintomo maggiormente invalidante per i pazienti, ma anche a ristabilire le alterazioni neurovegetative e psicoaffettive, tramite la stimolazione di particolari punti detti “agopunti” individuati sulla regione dorsale e ventrale del tronco e sugli arti che si trovano lungo il decorso dei meridiani energetici afferenti agli organi e che sono coinvolti nella circolazione energetica del qì . La disposizione dei Meridiani “mai” è piuttosto complessa ma è possibile schematizzarla come una rete in cui si riconoscono 12 Meridiani Principali distribuiti su tutto il corpo dalla testa ai piedi. I Meridiani Principali che trasportano l’energia vitale dei vari organi e visceri; a questi si aggiungono ad altri meridiani detti Meridiani Secondari (Distinti –Straordinari – Lo – Muscolo-Tendinei), che permettono i collegamenti energetici in tutto il corpo. Nel trattamento della FMS con le tecniche di Agopuntura il Fegato può essere stimolato e armonizzato utilizzando due principali punti energetici del suo meridiano denominati dalla sigla LR 2 e LR 3; in relazione alla diversa sintomatologia e ai differenti quadri clinici osservati verranno contemporaneamente utilizzati altri punti: per la Milza e il Pancreas i punti SP 6 e SP 9; per il Rene i punti KI 2, KI 6 e KI 7 ed infine per il Cuore i punti HT 7 e HT 9. Un trattamento fisico associato come il massaggio rilassante e cicli di psicoterapia velocizzano inoltre i tempi di risoluzione dei sintomi e la possibile cura delle cause responsabili l’insorgenza della fibromialgia.

Volendo riassumere come crede si possa concludere?

  • Pur non essendo possibile ricavare una statistica precisa in quanto l’unicità dell’essere umano è alla base del concetto cardine della MTC è tuttavia possibile affermare che sulla base delle evidenze cliniche l’Agopuntura si pone tra le terapie più accreditate per la cura della FMS in quanto la sua possibilità di azione sui blocchi e ristagni energetici permette di intervenire direttamente non soltanto sui sintomi ma anche sulle cause del dolore e dei disturbi associati.

 

Print Friendly and PDF

TAGS