Fase 2, a Roccaraso task force per ripartenza

di Redazione | 24 Aprile 2020, @01:04 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

ROCCARASO – Dal 4 maggio a Roccaraso (L’Aquila) si metterà in moto la task force che dovrà definire la strategia di rilancio economico e turistico del paese in vista dell’avvio della stagione estiva nel cuore della Fase 2 dell’emergenza Covid.

Si tratta di un gruppo di lavoro composto da amministratori locali, imprenditori, commercianti, associazioni e liberi professionisti in rappresentanza di tutte le categorie che individuerà le linee guida sulle quali costruire l’offerta turistica in vista della prossima stagione estiva.

Lo ha annunciato il sindaco, Francesco Di Donato, spiegando che a breve saranno convocati tutti i portatori d’interesse delle attività produttive e delle associazioni.

“Siamo in attesa di capire in che condizioni il Governo e la Regione Abruzzo ci permetteranno di affrontare la stagione estiva, quali saranno le prescrizioni e su quali fondi potremo contare – ha sottolineato Di Donato – dal 4 maggio, appena concluso il lockdown, il quadro sarà certamente più chiaro e noi dobbiamo avviare questa consultazione da subito perché sappiamo che certamente l’offerta turistica tradizionale andrà rimodulata e arricchita in termini di progetti e servizi. Ma voglio che sia una strategia il più possibile partecipata – ha aggiunto Di Donato – ascolteremo progetti, proposte e siamo pronti a sostenere quelli più interessanti e immediatamente cantierabili. Voglio anche sottolineare – ha precisato poi il sindaco di Roccaraso – che a livello comprensoriale chiederemo alla Dmc Alto Sangro Turismo di definire una politica promozionale che sia univoca per tutto il territorio. Non ha senso, in queste condizioni né andare da soli, né restare a guardare. Servono le competenze giuste e le migliori professionalità per cercare di essere competitivi”.

Per quello che riguarda Roccaraso, “l’impegno dell’amministrazione sarà quello di destinare in questa fase ogni risorsa disponibile al taglio delle tasse alle imprese e a sostenere ogni tipo di promozione che ci renda attrattivi. Abbiamo cominciato con la riduzione del 33% della Tari nel primo semestre di quest’anno e andremo avanti con altre proposte, Una volta chiaro il quadro delle attività possibili, chiederemo anche all’Acd Roccaraso-Pietransieri di definire una proposta che valorizzi tutte le strutture a disposizione insieme ad altre iniziative che andranno studiate subito. In questo quadro drammatico, sono convito che per la nostra montagna estiva ci siano margini di evoluzione dell’offerta su aspetti che, fino ad oggi, sono stati trascurati”.


Print Friendly and PDF

TAGS