Facebook, Twitter, YouTube: così Erdogan censura i social

di Redazione | 27 Luglio 2020 @ 08:40 | Pillole social (di tutto di più)
Erdogan
Print Friendly and PDF

Dopo i giornali, la Turchia vuole controllare anche i social network. Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha annunciato l’iter legislativo per una legge che, se approvata (e ci sono buone probabilità che accada) obbligherebbe social network come YouTube, Facebook e Twitter di nominare un referente per la gestione delle domande di rimozione di materiali considerati illegali da parte delle autorità giudiziarie. Ogni piattaforma avrà 48 ore di tempo per elaborare la richiesta ed altre 24 ore per attuare la sua rimozione; i social che non coopereranno subiranno una decurtazione (sino al 90%) della banda Internet a loro disposizione nel Paese.

La legge è stata subito criticata dagli oppositori di Erdoğan: le autorità giudiziarie sono infatti largamente sotto il controllo del partito del presidente, che avrebbe così gioco facile a neutralizzare i contenuti a lui meno graditi; il partito di opposizione CHP ha persino minacciato il ricorso alla Corte Costituzionale turca.


Print Friendly and PDF

TAGS