F1, qualifiche GP Ungheria: Russell beffa entrambe le Ferrari

di Stefano Nicoli

di Redazione | 30 Luglio 2022 @ 20:29 | SPORT
GP Ungheria
Print Friendly and PDF

Con lo spauracchio della pioggia a tenere banco per tutta la loro durata, le qualifiche del Gran Premio d’Ungheria sono andate in archivio nel segno di George Russell. L’inglese beffa entrambe le Ferrari conquistando la prima pole in carriera, mentre Max Verstappen incappa in un problema tecnico che lo relega a metà schieramento.

La pole position del GP d’Ungheria, 13° appuntamento stagionale della Formula 1, se l’è presa il pilota che – almeno in questo 2022 – non ti aspetteresti. È infatti George Russell a chiudere davanti a tutti le qualifiche ungheresi, disputatesi sull’asfalto dell’Hungaroring. Il #63 della Mercedes con l’ultimo tentativo disponibile è riuscito a beffare entrambe le Ferrari, convinte di essere riuscite a monopolizzare la prima fila fino a pochi secondi dallo sventolare della bandiera a scacchi. Carlos Sainz e Charles Leclerc saranno invece costretti a scattare rispettivamente dalla 2^ e 3^ posizione, con il monegasco che in seconda fila sarà affiancato dalla McLaren dell’ottimo Lando Norris.

La terza fila è tutta griffata Alpine, con Esteban Ocon davanti a Fernando Alonso, mentre Lewis Hamilton è costretto ad accontentarsi della settima posizione. Un problema al DRS accusato dalla sua Mercedes W13 nel momento decisivo del Q3 ha tagliato fuori dalla lotta per la pole il #44, costretto così ad accontentarsi di condividere la quarta fila dello schieramento assieme al suo ex compagno di squadra Valtteri Bottas. 9° è Ricciardo, mentre solamente 10° è stavolta Max Verstappen: il #1 si è improvvisamente ritrovato con le armi spuntate prima ancora di iniziare l’ultimo tentativo, con la MGU-K della sua RB18 che ha iniziato a dargli noia facendogli perdere potenza e impedendogli di lottare per le prime posizioni.

Peggio è andata però all’altra Red Bull, quella affidata a un Sergio Perez parso davvero spento sull’asfalto ungherese. Il #11 è infatti rimasto escluso addirittura nel corso del Q2, al termine del quale è stato eliminato assieme a Guanyu Zhou, Kevin Magnussen, Lance Stroll e Mick Schumacher. 16° ha poi chiuso Yuki Tsunoda, mentre la Williams di Alexander Albon si è tenuta dietro la Aston Martin vulnerata di Sebastian Vettel. Il #5, che nella giornata di giovedì ha annunciato il proprio ritiro dalla Formula 1 al termine della stagione 2022, era infatti incappato in un incidente nel corso delle FP3 ed è quindi sceso in pista al volante di una monoposto funzionante ma di certo non perfetta. 19° è Pierre Gasly, che condividerà l’ultima fila dello schieramento con Nicholas Latifi, 20° dopo essere stato addirittura primo al termine delle FP3.


Print Friendly and PDF

TAGS