F1, GP Canada: Verstappen vince ancora davanti alla Ferrari

di Redazione | 20 Giugno 2022 @ 10:00 | SPORT
canada
Print Friendly and PDF

Nulla, neppure un Carlos Sainz in grande spolvero, ha impedito a Max Verstappen di trionfare nel Gran Premio del Canada. L’olandese della Red Bull, che sull’asfalto del circuito intitolato a Gilles Villeneuve ha centrato il sesto sigillo stagionale, è semplicemente perfetto nella domenica di Montreal e ottiene un risultato che gli consente di allungare ulteriormente in classifica piloti.

Il #1, a onore del vero, ha dovuto faticare non poco per ottenere la vittoria in terra canadese. Sono infatti solamente 993 i millesimi che, al termine dei 70 giri di gara previsti, hanno separato la sua Red Bull dalla Ferrari di Carlos Sainz, 2° grazie a quella che è stata finora la sua migliore prestazione stagionale: lo spagnolo, 3° in griglia, alla ripartenza dalla Safety Car chiamata in causa per via dell’incidente di Yuki Tsunoda ha tentato in ogni modo di avere ragione dell’olandese, che però non ha sbagliato nulla non concedendo al #55 della Ferrari neppure una vera occasione di sorpasso. Sul gradino più basso del podio sale poi meritatamente Lewis Hamilton, 3° davanti a George Russell al termine di una gara corsa su un ottimo ritmo. Si arresta invece alla 5^ posizione la rincorsa dalla penultima casella dello schieramento tentata da Charles Leclerc: il monegasco, incappato anche stavolta in un pit stop non perfetto, è riuscito con fatica a risalire la china dopo essere partito dal fondo dello schieramento e ha dunque limitato i danni in un fine settimana nato storto.

6^ è la Alpine di Esteban Ocon, mentre Valtteri Bottas e Guanyu Zhou portano entrambe le Alfa Romeo in zona punti. In due, oltre ad avere disputato un’ottima gara, hanno beneficiato della penalità di 5” che la Direzione Gara ha imposto a Fernando Alonso. Oltre il danno la beffa dunque, per il #14: penalizzato da una strategia completamente sbagliata, limitato nelle fasi finali della corsa sul fronte della velocità massima, l’asturiano si è visto punito dai Direttori di Gara per essersi difeso con troppi cambi di direzione nei confronti di Valtteri Bottas, che con la sua Alfa Romeo era riuscito a mettere il sale sulla coda dello spagnolo proprio nel giro finale. L’ultimo punticino iridato se lo accaparra invece Lance Stroll, che grazie a una gara solida e a una strategia efficace è riuscito con una AMR22 non troppo in forma a entrare nella top ten.

Appena fuori dai primi dieci troviamo Daniel Ricciardo, che con la prima delle McLaren precede Sebastian Vettel e Alexander Albon. Quest’ultimo è stato protagonista nella prima fase di gara, quando con la sua Williams è riuscito a tenersi a lungo le spalle un trio formato da Bottas, Norris e Leclerc. Non va oltre la 14^ posizione Pierre Gasly, mentre l’appena citato Norris – peraltro penalizzato per eccesso di velocità in pit lane – si accontenta della 15^ piazza davanti a Nicholas Latifi e Kevin Magnussen, ultimo dopo avere visto la propria gara rovinata da una sosta fortemente anticipata per via di un contatto con Lewis Hamilton che ha danneggiato il suo musetto nelle primissime fasi della corsa. Tre sono infine i ritirati del Gran Premio del Canada: Mick Schumacher e Sergio Perez sono stati costretti ad abbandonare la corsa a causa di problemi tecnici, mentre Yuki Tsunoda ha alzato bandiera bianca dopo essere finito malamente a muro in Curva 1 per via delle temperature troppo basse avute dai suoi pneumatici Hard montati nel pit stop.

Ora il Circus della F1 è pronto per godersi una settimana di pausa: le ostilità sportive riprenderanno nel fine settimana del 3 luglio, quando la Formula 1 farà tappa a Silverstone.

canada


Print Friendly and PDF

TAGS