Elezioni, i leader nazionali in conferenza stampa

Salvini, "sono ottimista"; Calenda, "faremo opposizione netta"; Letta, "non mi ricandido"

di Redazione | 26 Settembre 2022 @ 12:52 | ELEZIONI
padovani
Print Friendly and PDF

ROMA. “L’Italia ha votato e ha scelto il centro destra. Sono andato a letto ‘inc…..’ e mi sono svegliato  carico come una molla, ottimista. Innanzitutto, ci tengo a ringraziare i militanti della Lega, che sono unici e insostituibili, hanno dato l’anima in un momento complicato”.

Così Matteo Salvini in una conferenza stampa che si è da poco conclusa. “Conto che per 5 anni si tiri dritto. Ho messaggiato – ha proseguito  –  con Giorgia, le faccio i complimenti, è stata brava.

Lavoreremo insieme a lungo. Complimenti anche a Forza Italia e agli amici dei Moderati: ogni voto è servito a dare la maggioranza assoluta alla Camera e al Senato. 

Stare alla maggioranza con Draghi e Pd per due anni – ha aggiunto – non  è stato semplice. Lo rifarei? Sì. Ci è costato, ma per l’Italia oggi è una bella giornata perché ha 5 anni di stabilità davanti.  Se avessimo scelto di trascinare ancora per 9 mesi un Governo fermo, sarebbe stato un problema.

Oggi il dato non mi soddisfa, il 9% non è il dato per cui ho lavorato, ma ora siamo in un Governo in cui saremo protagonisti. Prima avevamo il doppio, ma eravamo comparse”.

E ancora: “Sono 100 tondi i parlamentari della Lega al lavoro da domani, è il secondo partito del centrodestra e ce la giochiamo con il Pd come secondo, stando però al governo. 

Ora dobbiamo capire, a livello regionale quello, che ha funzionato e quello che non ha funzionato, –  ha proseguito Salvini –  saranno chiesti dei cambiamenti”, riferendosi, in particolare, al Lazio, al Molise, alla Lombardia e al Friuli Venezia Giulia.

“Credo che potremmo essere convincenti”, ha concluso.

Conferenza stampa anche per Calenda: “Il nostro obiettivo di fermare la destra era ambizioso e andrà avanti con Draghi. Non abbiamo raggiunto il risultato, va detto con chiarezza ma sentiamo il dovere di ringraziare le tre ministre, il presidente del governo, e tutti gli  italiani che ci hanno votato.

Gli italiani  – ha proseguito – hanno scelto una destra sovranista: per noi è una scelta pericolosa. Faremo un’opposizione netta e decisa.

Riteniamo che nei prossimi mesi il partito democratico tornerà tra le braccia dei 5 stelle, con Fratoianni e Bonelli e noi dovremo costruire il polo del buon governo, del pragmatismo e della serietà; partiamo da basi solide, quello che faremo nelle prossime settimana sarà avviare un cantiere per creare, in breve tempo, un partito liberale e riformista”

Con quasi l’8% dei consensi avvieremo un cantiere affinché questo processo sia ancora più inclusivo e dia seguito all’investimento che molti italiani hanno fatto votandoci.

Siamo quelli che abbiamo promesso di meno e abbiamo cercato di parlare un linguaggio di grande verità al Paese.  Abbiamo detto: c’è un’alternativa al Paese che non è populista”.

“Oggi è un giorno triste per l’Italia e per l’Europa,ci aspettano giorni duri”.

Così Enrico Letta, segretario Pd, esordendo in conferenza stampa all’indomani del voto. “Gli italiani e le italiane hanno scelto.

Siamo arrivati al governo Meloni perché Conte ha fatto cadere Draghi . È un risultato insoddisfacente -dice- siamo prima forza di opposizione e faremo opposizione dura e intransigente.

Non è bastato mettercela tutta, solo modo per battere destra era campo largo per sfida epocale”.

A breve il Congresso del partito: “Non mi ricandido”, ha concluso.


Print Friendly and PDF

TAGS