Esplosiva Giulia. Conosciamo l’erede Cataldi Madonna

Da tre anni a capo dell'azienda di famiglia, porta avanti il mood paterno con responsabilità e tanta freschezza

di Michela Santoro | 07 Agosto 2022 @ 06:00 | ATTUALITA'
Giulia
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Dal 2019 conduce l’azienda di famiglia. È giovane, intraprendente e piena di energia.

Stiamo parlando della quarta generazione dei Cataldi Madonna, ovvero  di Giulia, figlia di Luigi, docente di Filosofia all’Università dell’Aquila ma anche straordinario produttore di vino che in una trentina d’anni ha costruito una preziosa ed apprezzatissima Cantina.

“Un po’ ero spaventata – racconta Giulia a L’Aquila blog – ma ho colto in chiave positiva la proposta di mio padre che è ancora vigile e in forze e mi ha dato la possibilità di responsabilizzarmi ancor di più. E poi, una svolta giovanile alla Cataldi Madonna, fa bene!”

 

 

Un’azienda storica che ha inizio nel 1920 con il barone Luigi Cataldi Madonna, ma dinamica come la definisce Giulia. Ad imbottigliare per la prima volta è il figlio di Luigi, Antonio, ben 55 anni dopo la nascita dell’attività, nel 1975.

Luigi, il papà di Giulia, nipote di Antonio, subentra nel 1990 proseguendo il progetto famigliare di caratterizzazione dei prodotti e di valorizzazione del territorio.

Fino agli inizi degli Anni Novanta – si legge sul sito di Cataldi Madonna – l’azienda ha presidiato praticamente da sola l’intera zona viticola di Ofena.

Oggi l’azienda è composta da 30 ettari (vitati esclusivamente con vitigni autoctoni e tradizionali quali Montepulciano, Pecorino e Trebbiano), tutti situati nel comune di Ofena, nel centro del “forno d’Abruzzo”,  fra i 320 e i 440 metri di altitudine.

“Abbiamo cento anni e tantissimi progetti per il futuro”, aggiunge Giulia.


Print Friendly and PDF

TAGS