Elezioni, Quagliarello e D’Angelo: grande attenzione alle aree dell’Appennino

di Redazione | 31 Luglio 2022 @ 08:50 | POLITICA
aree interne Galletti
Print Friendly and PDF

L’AQUILA –  “C’è una grande attenzione alle aree interne nei punti che ieri ‘Italia al Centro’ ha presentato quale contributo programmatico al confronto in vista delle prossime elezioni politiche”. Lo dichiara il senatore Gaetano Quagliariello, coordinatore nazionale di Italia al Centro. 

“Nello specifico, per le aree interne”, illustra il senatore, “le principali proposte individuate riguardano l’efficientamento dei livelli di governo istituzionale; un grande piano di messa in sicurezza sismica e idrogeologica del territorio; un ripensamento della rete dei servizi e dell’assistenza sanitaria per coniugare razionalizzazione, efficacia qualitativa e capillarità territoriale, sfruttando anche le potenzialità delle nuove tecnologie; una concezione dello smart working che non sia né ideologicamente acritica né pregiudizialmente ostile, ma sia funzionale al ripopolamento di borghi e aree non urbane, previa ovviamente una riduzione del gap digitale e tecnologico; la messa in rete ‘dal basso’ di iniziative di sviluppo territoriale contigue per dislocazione geografica e per filiera; la promozione delle nuove forme di turismo; la razionalizzazione e la specializzazione dei centri di formazione professionale e universitaria; la rivalutazione del credito di prossimità. Infine, in luogo delle misure assistenziali come il reddito di cittadinanza delle quali i numeri hanno decretato il fallimento”, conclude Quagliariello di Italia al Centro, “recependo un’idea provenuta proprio dal partito aquilano, ha proposto quello che potrebbe essere chiamato ‘reddito di resilienza’: invece di incentivare la nullafacenza, l’introduzione di una misura di sostegno a chi tiene aperta un’attività in aree disagiate nonostante la penalizzazione in termini reddituali, fornendo un servizio e aiutando a combattere lo spopolamento”.

Anche Daniele D’Angelo, capogruppo al Comune dell’Aquila e coordinatore provinciale di Italia al Centro ha dichiarato: “In questo periodo di crisi è apparso evidente fin da subito che le direttrici dei programmi di ripartenza avrebbero rappresentato per le aree interne un’occasione di sviluppo forse irripetibile. E’ però un imperativo categorico sostenere la ripresa con politiche adeguate, mettendo da parte le ricette fallimentari e concentrando le risorse su interventi di autentico rilancio socio-economico che possano premiare davvero il lavoro. E’ in questo senso un segno di grande attenzione che Italia al Centro, nel presentare le proprie linee programmatiche a livello nazionale”, prosegue l’esponente del partito guidato da Giovanni Toti e Gaetano Quagliariello, “abbia dedicato due interi capitoli alla coesione territoriale, con la necessità di un accesso alle reti e ai servizi essenziali omogenea su tutto il territorio, e a uno specifico piano di rilancio per l’entroterra appenninico e per le aree fragili del Paese. In particolare la proposta di un ‘reddito di resilienza’, che con parametri rigorosi possa sostenere e incentivare il lavoro e lo sviluppo di attività economiche in zone più impervie o spopolate, razionalizzando e rendendo organiche anche le varie misure esistenti in questa direzione, si attaglia perfettamente alle problematiche di territori come il nostro, e non solo. Non a caso l’iniziativa, sulla quale è già pronto un disegno di legge, recepisce un’idea nata qui all’Aquila e portata all’attenzione del partito nazionale che ne ha fatto un proprio punto programmatico. Abbiamo sempre creduto nel lavoro, lavoreremo perché diventi realtà”, conclude D’Angelo.


Print Friendly and PDF

TAGS