Elezioni, Iannarelli (Sinistra italiana) capolista al Senato per l’Abruzzo

di Redazione | 20 Agosto 2022 @ 15:36 | VERSO LE ELEZIONI
legge elettorale
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Mi preme innanzitutto ringraziare la mia comunità politica per la scelta di candidarmi come capolista al Senato della Repubblica per l’Abruzzo nella lista ‘Alleanza Verdi Sinistra’, un grande onore ma anche una grande responsabilità”. A scriverlo è il segretario del circolo di Sinistra italiana L’Aquila, candidato capolista al Senato della Repubblica nella Regione Abruzzo, Pierluigi Iannarelli.  

“Come capolista alla Camera, sempre nella lista Verdi Sinistra – prosegue Iannarelli -, un’altra candidatura coraggiosa, quella di Rahel Seium, donna impegnata con l’Arci sulle politiche di accoglienza e immigrazione. In una società sempre più vecchia dal punto di vista demografico, il rispetto dei migranti e la loro integrazione oltre ad essere una questione etica e morale, ovvero aiutare chi è in difficoltà, diventa fondamentale per garantirci un futuro. Non candidature catapultate da Roma, bensì attenzione alle esperienze e alle esigenze di un territorio. Noi di Sinistra Italiana e Europa Verde ci presentiamo agli elettori con un programma preciso: giustizia sociale e ambientale sono le due emergenze del nostro tempo, che la politica dei palazzi colpevolmente ignora. Abbiamo bisogno di una proposta politica chiara, coraggiosa e alternativa alla pericolosa destra nazionalista, classista e negazionista”.

Trasporto pubblico gratuito, salario minimo a 10 euro l’ora, tetto al prezzo del gas, rinnovabili all’80% entro il 2030, istruzione completamente gratuita dalla culla all’università, riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario, tassazione al 100% degli extraprofitti, patrimoniale e riforma fiscale in senso progressivo, legalizzazione della cannabis, pieni diritti civili per chiunque, riforma della cittadinanza sono alcuni dei punti del programma della campagna elettorale e dell’impegno politico. 

“Entrambi coerentemente pacifisti – aggiunge il segretario del circolo di Sinistra italiana L’Aquila – ci battiamo e ci batteremo contro la guerra, invocando diplomazia e cessazione dell’uso folle delle armi dall’una e dall’altra parte, in Ucraina cosi come in Palestina, passando per la Libia e la Nigeria. Sarà importante, nel prossimo parlamento, avere un gruppo parlamentare di sinistra quanto più forte possibile. La sfida alla destra si fa con i temi, con le proposte e con la lotta sociale ed istituzionale. Abbiamo sempre rifiutato, unici nello schieramento progressista, alleanze malsane: non abbiamo mai governato con la destra e con la Lega. Quando alla politica si chiede coerenza possiamo affermare di non aver mai tradito i nostri ideali ed il voto che ci è stato dato: non tutti possono vantarsi di questa qualità. Vogliamo poter garantire un futuro alle prossime generazioni, in un Paese più giusto, libero e sostenibile. Perché non è vero che non c’è alternativa, e lo dimostreremo”. 


Print Friendly and PDF

TAGS