E-commerce, sentenza storica: Amazon risponde per i danni causati dai prodotti venduti

di Redazione | 22 Agosto 2020 @ 06:42 | LA LEGGE E LA DIFESA
Print Friendly and PDF

Le piattaforme sono responsabili di quello che fanno: lo dice una rivoluzionaria sentenza della Corte d’Appello della California sul caso di una batteria per laptop esplosa in faccia all’acquirente mesi dopo l’acquisto.

 
 
Amazon responsabile per la difettosità (e per i danni) del prodotto venduto sul suo marketplace. Con una sentenza destinata a condizionare molte giurisdizioni, la Corte d’appello della California (Cal. Ct. App., 4th Dist., No. D075738 – Bolger vs Amazon.com Inc.) rompe il tabù della intangibilità degli Ott digitali
Secondo un articolo pubblicato da Il Sole 24 Ore, edizione online, per la prospettiva “italiana” sono tre i punti interessanti. Il primo è di puro merito: i criteri per l’imputazione dei danni da responsabilità da prodotto definiti dalla giurisprudenza statunitense sono analoghi a quelli stabili dal Codice del consumo. I principi sono quindi traslabili nel nostro sistema.

Print Friendly and PDF

TAGS