E’ boom di Study room, le aule virtuali per studiare insieme anche a distanza

di Redazione | 19 Aprile 2021 @ 06:26 | TECNOLOGIA E INNOVAZIONE
Print Friendly and PDF

La “Study Room” è la nuova tendenza degli studenti che si riuniscono nelle aule virtuali per studiare a distanza con gli amici, ma anche con sconosciuti.

Un modo per sopravvivere alla solitudine e combattere l’isolamento dalle restrizioni sta sbarcando in piattaforme e siti specializzati operativi in una trentina di paesi al mondo, con milioni di sessioni di studio.

I ragazzi si organizzano con applicazioni tipo MeetZoom.

Spesso sono i professori che consigliano agli alunni  questa modalità di lavoro. Tra i ragazzi è molto utilizzata anche  Studystream, una piattaforma gratuita creata da 15 studenti di alcune università britanniche, tra cui Oxford e Cambridge. Il servizio offre 4 tipo di stanze differenti: “universitarie” e “pre-universitarie”. Basterà cliccare su “focus room” e il motore di ricerca chiederà il consenso per accedere nella sessione di studio su Zoom. Numerose aule studio sono presenti anche sui social, quali: Facebook, Tik Tok, Linkedin, Youtube, Slack. 

L’Italia sembra tuttavia la nazione con più stanze studio virtuali.

Google Trends ha registrato il picco di creazioni di aule virtuali nel mese di marzo 2021. Oltre ad essere un modo per combattere la solitudine, le study room consentono spiegazioni degli argomenti non appresi grazie alle spiegazioni di altri ragazzi. 

Nelle Study Room  è possibile conoscere anche persone straniere, diventando così un luogo di scambio culturale. 

 

 


Print Friendly and PDF

TAGS