Donne, Meloni: “Non accettare ruolo che altri decidono per noi”

di Redazione | 07 Marzo 2023 @ 20:17 | POLITICA
manovra meloni al senato
Print Friendly and PDF

ROMA – “C’è una buona notizia in quello che può sembrare un pregiudizio: voglio dire alle donne di questa nazione che il fatto di essere quasi sempre sottovalutate è un grande vantaggio, purchè noi non siamo vittime di quel pregiudizio”. Lo ha detto la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, intervenendo alla presentazione del nuovo allestimento della Sala delle Donne, alla Camera, dove viene esposto anche un suo ritratto.

“Anche io qualche volta mi sono fatta convincere che forse il mio posto era un altro, poi il mio anticonformismo ha avuto la meglio – ha aggiunto -. Il punto non è quale sia il ruolo che gli altri hanno deciso per te, il punto è se tu lo accetti”. “Per me è una emozione un pò particolare, quella che provo in questo palazzo, che mi ha fatto riflettere personalmente sul percorso che ho fatto in relazione al tema oggetto di questa mattinata. Ho varcato la soglia di questo palazzo a 29 anni, mi trovai da parlamentare alla prima esperienza a vicepresidente della Camera – ha sottolineato il premier -. E’ stata una delle tante volte che sono stata messa alla prova, è stata una delle tante volte nella quale mi sono trovata a fare qualcosa che apparentemente era più grande di me”.

“Quell’idea che io non ce l’avrei fatta forse era figlia della mia inesperienza in quel ruolo o forse no – ha proseguito -. Per quei ruoli non esiste un corso di formazione, l’esperienza si fa sul campo, ho incontrato gli sguardi di chi pensava non fossi all’altezza tante volte: quando sono diventata il primo presidente di un’organizzazione giovanile, quando sono diventata il ministro più giovane della storia d’Italia, quando ho fondato un partito e quando sono diventata presidente del Consiglio dei ministri. Qualsiasi cosa abbia fatto nella mia vita i più hanno scommesso sul mio fallimento”.
“Sono soprattutto le donne a dover credere più nelle loro capacità, devono rifiutare la logica che a volte porta a preferire di competere tra loro – ha spiegato il presidente del Consiglio -. Ho sempre pensato che non esistano le politiche femminili ma la visione femminile della politica, che riguarda la politica a 360 gradi. Il punto non è quante donne ci sono ma in quali ruoli, la sfida è quando avremo il primo amministratore delegato donna di una grande società partecipata dallo Stato, è uno degli obiettivi che mi do, credo questa sia la grande sfida della parità”.

 

(ITALPRESS).


Print Friendly and PDF

TAGS