Don Juan De Dios, nuovo direttore del Centro Missionario Diocesano di L’Aquila

di don Daniele Pinton | 02 Settembre 2020 @ 11:45 | CREDERE OGGI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Il Cardinale Arcivescovo Giuseppe Petrocchi, ha nominato nuovo direttore del Centro missionario diocesano, Don Juan De Dios Vanegas Gallego, attualmente amministratore parrocchiale di Santa Giusta in Sassa e di Santa Maria in Poggio di Sassa.

Don Juan De Dios, è stato ordinato presbitero da Mons. Giuseppe Molinari, il 1 luglio 2001 e attualmente è anche Assistente Spirituale del Movimento Cristiano Lavoratori (MCL), Direttore dell’Ufficio per la pastorale del Lavoro e dei Migranti e Notaio del Tribunale Ecclesiastico Metropolitano.

Il nuovo Direttore, potrà contare del valido aiuto di una equipe missionaria, composta da alcune religiose e da un gruppo di laici provenienti da alcune parrocchie dell’Arcidiocesi aquilana, che da cinque anni si impegnano non solo nell’organizzazione delle giornate missionarie diocesane ma anche nel promuovere micro realizzazioni a favore nei paesi di missione.

La predisposizione e l’impegno di Don Juan De Dios per le attività missionarie, si intensifica dopo il sisma del 2009. In più occasioni è andato in Africa (Kenya) con l’Associazione Africa Rafiki di Tione di Trento, persone che ha conosciuto durante il periodo del terremoto dell’Aquila, impegnandosi in attività a favore delle scuole, di piccoli ospedali, collaborando con i Sacerdoti Missionari della Consolata e di Yarumal che conoscono le realtà del posto.

L’Associazione con cui da anni collabora Don Juan De Dios, è composta di volontari che indirizzano le loro risorse in due direzioni: all’esterno, in Kenya, dove si effettuano trasferte periodiche per attuare i progetti concordati con i missionari, e verso l’interno, nell’ambito dell’intera provincia di Trento, adoperandosi in conferenze nelle scuole, serate con proiezione di diapositive e filmati, mercatini con vendita di prodotti dell’artigianato africano ed altre manifestazioni, allo scopo di illustrare la drammatica situazione di quel popolo ed i progetti dell’Associazione per coinvolgere la collettività in uno slancio solidale per creare i presupposti per un impegno concreto e duraturo.


Print Friendly and PDF

TAGS