Doline di Ocre, sospese le esercitazioni militari. Esulta il mondo ambientalista

di Redazione | 18 Novembre 2020, @03:11 | AMBIENTE
ocre
Print Friendly and PDF

OCRE – WWF Abruzzo, Appennino Ecosistema, LIPU, ALTURA, Federtrek, Pronatura L’Aquila, Società Botanica Italiana e alcuni fra i principali botanici abruzzesi comunicano che, dopo l’esposto da loro presentato alla Procura della Repubblica dell’Aquila, al Gruppo Carabinieri Forestale dell’Aquila, al NOE dei Carabinieri, al Ministero dell’Ambiente e alla Regione Abruzzo, sono state sospese le esercitazioni militari in atto presso la Zona Speciale di Conservazione delle Doline di Ocre. 
“Fondamentale – scrivono le associazioni – il tempestivo intervento della Regione Abruzzo, che ha notificato ai Comuni interessati dalle operazioni (Ocre e L’Aquila) e al Comando Militare che la procedura di Valutazione di Incidenza Ambientale, in un Sito quale quello in oggetto, è una procedura non derogabile, preventiva, vincolante e di verifica caso per caso.  I firmatari dell’esposto sottolineano come il rispetto della normativa vigente, oltretutto di diretta derivazione da norme dell’Unione Europea come la Direttiva Habitat, sia dovuta in primis da parte di istituzioni pubbliche quali i Comuni e l’Esercito Italiano. Il rispetto delle procedure, infatti, permette senza dubbio di contemperare le prioritarie esigenze di conservazione degli habitat e delle specie protette con quelle addestrative delle Forze Armate, individuando i luoghi, i modi e i tempi migliori per svolgerle. Tale intento viene peraltro perseguito anche da un apposito Protocollo di Intesa siglato nel 2015 dai Ministeri della Difesa e dell’Ambiente. Alle azioni intraprese sinora seguiranno le dovute verifiche dello stato dei luoghi, che saranno oggetto di opportuna comunicazione all’Autorità Giudiziaria.”


Print Friendly and PDF

TAGS