Distretto sanitario Tornimparte, Vivarelli: “Dicono in via di risoluzione linea internet, ma ancora aggressioni agli operatori”

di Redazione | 12 Settembre 2021 @ 13:39 | ATTUALITA'
Vivarelli
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Dopo l’ennesima aggressione ai danni di chi, da precario, lavora dietro uno sportello pubblico, ci è stato comunicato, a margine dell’ultimo incontro tra la Asl di Avezzano, Sulmona, L’Aquila e la società che ha in appalto i servizi di telecomunicazioni, che il problema della assenza di rete internet al Distretto sanitario di Tornimparte sarebbe in via di risoluzione”. Lo afferma in una nota il segretario provinciale del Terziario della Fesica della provincia dell’Aquila, Marcello Vivarelli.

“Recentemente – spiega Vivarelli – si è verificato un brutto episodio di aggressione verbale ai danni di una operatrice di sportello, purtroppo non un caso isolato non soltanto in quel Distretto e in questo settore, basti pensare a chi ogni giorno è a stretto contatto con l’utenza, sia nel pubblico che nel privato, spesso in situazioni vissute non bene da parte della stessa utenza. In questa occasione, si è reso necessario l’intervento dei carabinieri e per fortuna non ci sono state gravi conseguenze”.

“Quella di Tornimparte, però – precisa il sindacalista – è una struttura importantissima della sanità territoriale aquilana che purtroppo non se la passa benissimo, nonostante il grande impegno profuso dal personale sia amministrativo che sanitario, anche per via di una problematica, quella della assenza di una rete internet affidabile e stabile che si trascina da anni, creando enormi difficoltà sia ai lavoratori che all’utenza, con ripetute chiusure dello sportello Cup e conseguente nervosismo di chi, tra l’utenza, non tollera cose di questo genere e si scaglia contro gli incolpevoli operatori. Una situazione diventata insostenibile che il nostro sindacato ha affrontato di petto, mettendo in campo, tra le altre iniziative, una raccolta firme, ‘sposata’ anche dal sindaco di Tornimparte, Giacomo Carnicelli, con cui sono in contatto costante, e da una grossa fetta di popolazione. La risposta è stata di circa 1.200 firme raccolte e recapitate sia al Prefetto dell’Aquila, la dottoressa Cinzia Torraco, sia ai vertici della Asl 1 di Avezzano-Sulmona-L’Aquila”.

“Da quanto comunicato al nostro sindacato – prosegue Vivarelli – questa annosa problematica sarebbe in via di risoluzione in tempi molto brevi, nella speranza che i servizi vengano potenziati con ad esempio personale aggiuntivo. Sia io che il sindaco continueremo ad essere in prima linea nel controllo di quanto comunicato alla Fesica, fiduciosi nell’operato dei diretti interessati che potranno dimostrare di avere a cuore una struttura fondamentale di un vasto territorio”.

 

 


Print Friendly and PDF

TAGS