Dipendenze giovanili, Spaziani (Serd): “Servono spazi aggregativi e aiutare le famiglie”

di Alessio Ludovici | 27 Giugno 2023 @ 06:00 | SALUTE E ALIMENTAZIONE
spaziani asl l'aquila
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – All’Aquila il punto su dipendenze tra i più giovani. ‘L’adolescente tra spinte emotive e silenzi, tra vertigini e sballo: i possibili punti d’incontro’, questo il titolo del convegno organizzato dalla responsabile del Serd (servizio dipendenze) della Asl L’Aquila, Daniela Spaziani, in collaborazione con l’Associazione di volontariato Vides Spes. Si è tenuto ieri al palazzetto dei Nobili in occasione delle giornata contro le droghe, ed è stata l’occasione per fare un quadro della situazione aquilana e nazionale. A sostenere l’iniziativa anche l’Accademia Medica della provincia dell’Aquila per la quale è intervenuto Franco Marinangeli. 

In Italia, è stato spiegato, i giovani d’età tra 15-19 anni consumano alcol e praticano gioco d’azzardo in misura maggiore rispetto alla media europea dei coetanei. E’ quanto emerge da una ricerca del 2022 Espad Italia, condotta dal Cnr (consiglio nazionale ricerche) di Pisa, su studenti delle scuole superiori.  

Sono intervenuti, oltre alla Spaziani, la direttrice del servizio di neuropsichiatria infantile della Asl, Maria Pia Legge, l’avvocato Clorinda Delli Paoli, esperta di giustizia minorile, gli psicologi della cooperativa Ideali, Donatella Tomassi e Gianpaolo Della Cagna (che collaborano nella gestione del centro diurno terapeutico del Serd.) e i professionisti volontari del Vides Spes, Maria Feliciani e Maria Parisse.

Tra gli stupefacenti, la sostanza più usata tra i giovani è la cannabis: il 34% l’ha provata almeno una volta nella vita e il 16% nell’ultimo mese.  Il 12% dei ragazzi, nell’arco di età considerato, assume, a fini non medici, farmaci soggetti a prescrizione.  Il 64% ha praticato videogiochi almeno una volta e, infine, il 53% usa i Social almeno 2 ore al giorno.  

 


Print Friendly and PDF

TAGS