“DialoghImmaginari”, un’opera bisensoriale tra musica e arte

di Redazione | 26 Marzo 2022 @ 10:02 | CULTURA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA  E’ stato presentato ieri pomeriggio presso l’Auditorium del Conservatorio “A. Casella” dell’Aquila il progetto di arte e musica contemporanea “dialoghImmaginari” di Roberta Vacca compositrice e Pierpaolo Mancinelli artista. Si tratta di un’opera “bisensoriale” realizzata dall’Associazione Arte Nuova e dalle edizioni Sconfinarte con il contributo del Comune dell’Aquila della Fondazione Carispaq, di Edilfrair Spa, del Conservatorio “A. Casella” dell’Aquila e del Conservatorio Cherubini di Firenze.

Dialoghimmaginari è l’urgenza di unire linguaggi ed espressioni artistiche contemporanee diverse ma complementari per sperimentare e sorprendere con un nuovo parafrasare, quello creato dall’unione di musica e arte. Un progetto pensato come un’opera d’arte totale che rende visibili i colori delle sonorità dipinte dalla musica e udibili i suoni visivi creati dall’arte: un esperimento non nuovo ma che vuole, attraverso la creazione di bellezza per gli occhi e per le orecchie, riportare attenzione sui linguaggi del contemporaneo contribuendo a diffonderli.

Si tratta di un cd di quattro brani (Ad occhi chiusi, Me-dea, My fair lady e NovEvon)  composti da Roberta Vacca accompagnati da altrettante opere di arte digitale realizzate da Pierpaolo Mancinelli. “Ciascuna delle quattro composizioni musicali – scrivono i due artisti – pone lo sguardo sull’interiorità del mondo femminile: due attraverso i personaggi di Medea e di Lady MacBeth e due attraverso visioni poetiche femminili tratte dal “Cantico dei Cantici” e da alcuni Haiku. Le quattro opere digitali sono nate dalla suggestione auditiva generata sinestesicamente nell’artista visivo dai quattro lavori della compositrice. Su tali ‘voci’ di donne pone lo ‘sguardo’ un uomo, l’artista, che ne rielabora il sentire secondo i suoi ‘toni’ (dal suono al colore), fissando su tela quei ‘dialoghimmaginari’ che le stesse intrattengono con i loro immaginari interlocutori. Immaginario è stato il dialogo tra i due artisti, poiché il visivo si è legato al sonoro creando una risposta coincidente, nelle quattro opere, su un altro livello sensoriale. Agli artisti piace ‘immaginare’ che questo progetto possa far scaturire ‘immaginariamente’ un dialogo interiore tanto nell’ascoltatore (dei brani) quanto nell’osservatore (delle tele)”. Progetti come dialoghimmaginari sottolineano l’importanza di creare e diffondere prodotti culturali di qualità che contribuiscano ad educare all’ascolto e alla vista di linguaggi nuovi ed inediti per essere in grado di cogliere appieno le sfumature di una società contemporanea in continuo mutamento. dialoghimmaginari si concretizza in un CD con una tela, racchiusi in un cofanetto prezioso, un oggetto unico ed irripetibile che nella compenetrazione di due linguaggi artistici afferma la sua unicità: l’uno vivo nell’altro per regalare un’opera d’arte nell’opera d’arte.

Il progetto è stato presentato dai critici musicali Alessandro Calcagnile e Marco Di Battista e dal critico d’arte Enrico Sconci. Alla presentazione sono intervenuti il direttore del Conservatorio dell’Aquila Claudio Di Massimantonio, l’assessore al turismo del Comune dell’Aquila Fabrizia Aquilio, la Vicepresidente del Consiglio Comunale aquilano Ersilia Lancia e la Presidente dell’Associazione Arte Nuova Gabriella Copersini


Print Friendly and PDF

TAGS