Di Pangrazio: “Sono certo che nel processo di appello riuscirò a dimostrare la mia innocenza”

di Redazione | 06 Luglio 2021 @ 15:13 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

AVEZZANO – Dopo la condanna dal Tribunale dell’Aquila a un anno e quatto mesi di reclusione, pena sospesa e non menzione, per peculato, per fatti risalenti al 2014, quando era dirigente della provincia dell’Aquila, il sindaco Gianni Di Pangrazio ha scritto un lungo posto su Facebook.

Il post

Nella mia vita, ho sempre sostenuto che le sentenze non si commentano, ma si rispettano. Ci tengo a precisare, tuttavia, di non condividere assolutamente il verdetto odierno; questa pronuncia distorce la realtà dei fatti e offusca l’immagine di un uomo, di un padre, di un funzionario pubblico e di un sindaco che ha dedicato tutta la vita al servizio dello Stato. Pertanto, continuerò a battermi nel giudizio di appello, per provare la mia totale estraneità ai fatti, senza alimentare inutili polemiche.

Posso constatare, in ogni caso, che la quasi totalità delle accuse a me rivolte sono cadute nel vuoto. Essenzialmente, infatti, sarei responsabile di una presunta spesa di circa 250 euro, a fronte di oltre 60.000 euro di indennità personali lasciati nelle casse comunali. Sono certo che nel processo di appello, che si terrà tra pochi mesi, riuscirò a dimostrare la mia innocenza, anche rispetto all’accusa residua, così come già avvenuto per molte delle contestazioni avanzate in primo grado. Infine, voglio ringraziare di cuore i tanti cittadini che non hanno mancato di farmi sentire la propria vicinanza; a tutti loro, prometto di spendermi ancora di più per il bene di Avezzano.


Print Friendly and PDF

TAGS