Dehors, delibera del Comune dell’Aquila per raccogliere adesioni

di Redazione | 21 Maggio 2024 @ 18:46 | ATTUALITA'
PALAZZO MARGHERITA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Con questo provvedimento intendiamo riorganizzare e razionalizzare l’installazione dei dehors in centro storico”.

Con queste parole il vice sindaco e assessore con delega al Commercio, Raffaele Daniele, ha commentato la delibera approvata nei giorni scorsi dalla giunta comunale con cui viene dato mandato al Servizio SUAP, Servizio Patrimonio e Viabilità e al Comando di Polizia Municipale di predisporre un “progetto sperimentale” per l’anno 2024 acquisendo le manifestazioni d’interesse con un avviso pubblico rivolto a tutti coloro che abbiano intenzione di ottenere un’area per l’insediamento di dehors.

Contestualmente, nel documento, viene disposto che il Comando di Polizia Municipale ha il compito di individuare, per la stagione 2024, le aree del centro storico pedonali designate e progettate per essere utilizzate esclusivamente dai pedoni, escludendo il traffico veicolare, mentre il Servizio Patrimonio potrà rilasciare in via provvisoria, anche in caso di istanze di concessioni triennali, autorizzazioni di suolo ad uso dehors con scadenza massima fissata al 31 dicembre prossimo. 

Inoltre, è riportato nella delibera, che l’indirizzo fornito al Suap sarà quello di “di garantire la proroga delle autorizzazioni di cui sopra per i successivi due anni, a domanda degli interessati, nel caso in cui permangano le medesime condizioni del primo rilascio”.

“L’obiettivo – conclude il vice sindaco – è quello di predisporre una proposta di pianificazione organica delle occupazioni di suolo pubblico per l’insediamento di dehors da sottoporre e condividere con la Soprintendenza per agevolare l’iter istruttorio delle istanze stesse”.

E Rotellini e Romano replicano a Scmia: “Non legge le delibere”

“È talmente abituato ad applaudire tutto quello che comunicano i suoi compagni di partito che neanche legge, o forse capisce, gli atti su cui poi interviene”. Così Lorenzo Rotellini e Paolo Romano. “Il capogruppo Scimia vanta la redazione di un nuovo regolamento sui dehors che ancora non c’è, visto che la delibera 201 del 16 maggio parla di redigere un “progetto sperimentale” complessivo che darà la possibilità di organizzare i dehors dei locali in Centro Storico. L’avviso, pubblicato ieri pomeriggio, complica solamente la vita agli esercenti, che dopo aver fatto nei mesi passati le apposite domande per poter mettere tavoli e sedie all’esterno, e aver ricevuto in alcuni casi persino il placet dalla Soprintendenza, ora si vedono costretti a dover produrre nuovamente una domanda autorizzatorio al Comune.

La modifica al regolamento triennale di cui parla Scimia – che è altra cosa – vedrà la luce tra mesi, necessitando dell’approvazione della giunta, delle commissioni consiliari di riferimento e infine del Consiglio comunale.

Le attività commerciali invece avevano e hanno bisogno di risposte nell’immediato e non di modifiche al regolamento annuale a ridosso della stagione estiva, quando le autorizzazioni dovrebbero essere già rilasciate.

È chiaro che in mezzo a questo disastro non possiamo prendere sul serio il capogruppo di Fratelli d’Italia quando dice che “l’opposizione mira all’interesse dei pochi”; del resto parlano proprio lui e il suo Vicesindaco con delega al Commercio che fecero istallare a Piazza Duomo i famosi igloo in spregio a qualunque autorizzazione.

Noi, già a fine 2022, denunciavamo la necessità di fare chiarezza sul regolamento annuale dei dehors approvato con delibera di consiglio comunale n. 8 del 09.10.2020 poiché la deregulation che si era avuta nel periodo pandemico stava finendo e si sarebbero iniziate a vedere tutte le difformità tra i dehors realizzati e quanto approvato nel 2019 dal consiglio comunale.

È tempo che la giunta assuma su di sè il giusto grado di responsabilità che le spetta e spieghi alle attività commerciali i ritardi accumulati sul rilascio delle autorizzazioni dei dehors, sulle quali servirà un controllo accurato da parte della Polizia Municipale affinché chiunque rispetti gli spazi pubblici assegnati.”


Print Friendly and PDF

TAGS