De Santis e Lancia sbarcano in giunta, gli ex capigruppo di Lega e Fdi

Taranta, la sorpresa della scorsa giunta resta all'Ambiente. Deleghe confermate per Daniele e Colonna

di Alessio Ludovici | 05 Luglio 2022 @ 06:00 | POLITICA
Ersilia Lancia e Francesco De Santis
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Tanti gli spunti politici offerti dalla composizione della nuova giunta e del nuovo consiglio comunale. Tra gli altri la promozione in giunta di Francesco De Santis ed Ersilia Lancia. Due nomi freschi ma pesanti. Nella scorsa consiliatura erano uno il capogruppo della Lega, l’altra di Fratelli d’Italia, due partiti tra i quali non sono mancati i momenti di confronto molto aspro fino ad arrivare alla sospensione degli assessori leghisti da parte di Biondi. A gestire quelle fasi anche i due consiglieri comunali, allora esordienti  in consiglio e che oggi sono colleghi di giunta. Deleghe ancora da definire, a De Santis, che di fatto prende il posto di Daniele Ferella potrebbero andare quelle all’Urbanistica secondo alcune fonti, il centrodestra sta lavorando agli ultimi dettagli delle deleghe. 

Ersilia Lancia, avvocato, ha interpretato il ruolo di capogruppo sempre con discrezione cercando di guidare le dinamiche tra consiglio e giunta, non disdegnando di mettere i punti sulle i quando è stata chiamata a richiamare la maggioranza alle proprie responsabilità politiche nei confronti della giunta. Ora il salto in giunta: “Sono felice di questo ruolo nell’esecutivo, l’esperienza della consiliatura è stata importante. Sicuramente c’è l’orgoglio di lavorare per la città, la pubblica amministrazione è una cosa seria e voglio improntare il mio mandato amministrativo alla concretezza ma anche all’umiltà”. “Non può che farmi piacere – aggiunge – la presenza di tante donne in consiglio e in giunta. Questa è la dimostrazione che le donne si confrontano sul terreno della meritocrazia, non su quello protetto delle quote rose”.

Francesco De Santis, il più giovane assessore di Biondi, è il capogruppo uscente della Lega. A 25 anni ha già dato prova di se in consiglio e prima ancora nei Cpt, senza mai dimenticare l’impegno politico nel partito a tutti i livelli, quello territoriale e quello nazionale con il ruolo di Vice coordinatore federale della Lega Giovani. Non si può dire non gli manchi la passione per la politica: “Grande emozione e grande senso di responsabilità ma rende onore al movimento di un partito che è l’asse portante di questa maggioranza”. “La Lega giovani in tutta Italia ha portato avanti risultati importantissimi, abbiamo sindaci, assessori, consiglieri. C’è un criterio di qualità, militanza è il termine giusto, la politica si fa 365 giorni all’anno”. 


Print Friendly and PDF

TAGS