Cure oncologiche territoriali, pazienti preoccupati per le decisioni della Asl 1

di Redazione | 08 Aprile 2024 @ 07:07 | SANITA'
piano oncologico
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Sale la preoccupazione tra i parenti dei pazienti oncologici della Asl 1 Abruzzo. A generare allarme è stata una nota del 3 aprile 2024. Quel giorno la Direzione Generale della ASL1 Abruzzo, ha trasmesso una disposizione urgente di servizio, con la quale, con decorrenza immediata e sino a diverso provvedimento e in attesa della definizione di specifiche procedure aziendali, si intima alla U.O. di Oncologia Territoriale di astenersi “dalla gestione e somministrazione di terapie infusionali chemioterapiche, la cui erogazione resta nella esclusiva competenza del Setting assistenziale della Oncologia ospedaliera”

“I trattamenti infusionali chemioterapici attualmente In corso nella U.O. Oncologia Territoriale – si spiega nella circolare – per pazienti già in carico potranno proseguire su richiesta dello specialista oncologo, secondo le indicazioni della scheda tecnica, ad esaurimento dei cicli terapeutici programmati e comunque fino alla conferma della progressione”.

Una decisione, secondo un gruppo di parenti che ci hanno scritto, che potrebbe mettere a rischio il trattamento salva-vita per decine di pazienti affetti da patologie oncologiche.


Print Friendly and PDF

TAGS