Crisi turismo, nel 2021 oltre 4mila imprese hanno cessato le attività

L'analisi di Assoturismo. Il dato peggiore degli ultimi cinque anni

di Redazione | 22 Febbraio 2022 @ 09:47 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

ROMA – Dopo due anni di crisi le imprese del turismo non ce la fanno più. E le chiusure aumentano: nel solo 2021 hanno cessato l’attività 4.116 imprese della ricettività e dei servizi turistici, il dato peggiore degli ultimi cinque anni.

A riportarlo è l’agenzia di stampa Adnkronos.

L’analisi fotografa l’impatto della crisi sul turismo, immediatamente riscontrabile nel netto peggioramento dei saldi tra aperture e chiusure di imprese nel biennio del Covid: tra 2020 e 2021 si è registrata una perdita di oltre 4mila attività (-2.200 nel 2021 e -1.814 nel 2020), oltre sei volte il biennio precedente. Spiega il presidente nazionale di Assoturismo Vittorio Messina:

“Le analisi confermano una crisi che non dà segni di rallentamento. Le chiusure hanno accelerato anche nel 2021, battendo il già pessimo risultato del 2020”. 


Print Friendly and PDF

TAGS