Crisi di Governo, oggi Conte potrebbe salire al Quirinale

di Redazione | 25 Gennaio 2021, @04:01 | POLITICA
Print Friendly and PDF

Il premier Giuseppe Conte potrebbe recarsi già oggi al Quirinale per conferire con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. E’ quanto si apprende da fonti parlamentari della maggioranza.

l Pd è in pressing in queste ore, a quanto si apprende da fonti parlamentari, per convincere il premier Giuseppe Conte che l’unica via per salvare il governo e cercare una maggioranza stabile è passare dalle sue dimissioni-lampo, passaggio ritenuto necessario per far emergere con chiarezza i ‘volenterosi’. I dem hanno assicurato a Conte che il suo ruolo “è imprescindibile” e che il Pd è comunque al suo fianco.

Ma l’hanno messo in guardia sui rischi di andare in Aula per la relazione del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e sul fatto che il governo ne uscirebbe sconfitto visto che ad ora i numeri non ci sono.

“Di fatto sfiduciare un ministro significa che lo stai bocciando in aula. In questo caso, oltre che ministro, Bonafede è capo delegazione del M5s, il che significa dichiarare guerra al M5s“. L’ha detto Manlio Di Stefano, sottosegretaria agli Esteri, del M5s, rispondendo a una domanda sul voto alla relazione del ministro della Giustizia, a ‘Un giorno da pecora’ su Radio1.

“Una crisi di governo è sempre legittima ma bisogna rendersi contro del momento in cui si fa – ha proseguito – Renzi ha dimostrato di essere ampiamente inaffidabile e di non amare l’Italia. Noi con i suoi parlamentari parliamo e abbiamo lavorato bene, ma stiamo cercando di far capire loro che c’è strada di responsabilità da seguire”. Quindi, no a Renzi e sì ai parlamentari renziani? “Assolutamente sì, mi sembra evidente. Mai più con Matteo Renzi, che non significa con i parlamentari di Iv, loro mi sembrano le prima vittime“.

Il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, sottolinea che “il Pd non ha mai puntato e non vuole le elezioni: siamo stati chi s’è speso di più per non fare le elezioni, siamo stati responsabili e portato avanti la battaglia sui contenuti. E’ stato Renzi che ha portato a questo rischio, con una crisi al buio. Bisogna uscire da questa situazione. Va evitato e per farlo il Pd si sta adoperando per garantire un governo autorevole e con una base parlamentare ampia, europeista. Risolvere problemi – prosegue – non vuol dire baci e abbracci ma impegnarsi con Conte visto che ha avuto la fiducia poco tempo fa, per un governo ampio ed europeista”.

 “Ora Renzi – gli fa eco Goffredo Bettini –  dimostri effettivamente di avere il senso non dell’errore ma un po’ del salto nel buio che lui ha procurato e incominci in Parlamento a dare qualche segnale, se ci sono delle aperture” nella relazione del ministro Alfonso Bonafede sulla giustizia. Lo dice Goffredo Bettini del Pd a Omnibus su La 7. “Se è un Renzi che ha rotto direi di no, se si mette nell’ottica di una responsabilità nazionale senza ricatti e senza prepotenze, si può guardare a una fase nuova”, ha spiegato. In ogni caso, per Bettini, “per il ricorso eventuale al voto la responsabilità è di chi ha staccato la spina, noi faremo di tutto per evitarlo”.

Ma Italia Viva tira dritto: “Ascolteremo, come abbiamo sempre fatto – dice la Teresa Bellanova sulla relazione del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede – ma temo che sarà difficile votare diversamente da un no, perché aspettiamo ancora il tavolo promesso da Bonafede sui temi della giustizia, che non è stato mai fatto. Ora – prosegue – vengono tante sollecitazioni a rispondere a temi posti da Italia viva, noi siamo pronti ad ascoltare.Ma di certo, se si afferma che in Italia nessuno va in carcere da innocente, c’è molto da riflettere”.

E il ministro per lo Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, rincara: “Chi è il problema non può essere la soluzione. Non è una questione personale ma di affidabilità politica”. 


Print Friendly and PDF

TAGS