Crisi Comune, De Santis: “immorale che gli assessori ‘licenziati’ percepiscano l’indennità”

di Matilde Albani | 05 Settembre 2020 @ 06:20 | POLITICA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Biondi risolva lo scontro con la Lega, ma soprattutto definisca sul piano morale la posizione dei tre assessori ‘licenziati’, che rimangono in carica e percepiscono lo stipendio – dice a Laquilablog, il consigliere comunale di opposizione, Lelio De Santis, che torna a puntare il dito sulla crisi di maggioranza al Comune dell’Aquila.

In sostanza, sono passati quasi due mesi del ritiro delle deleghe agli assessori leghisti, nessuno parla, però, i tre, Daniele Ferella, Fabrizio Taranta e Fabrizia Aquilio, restano assessori “formalmente”, ma senza deleghe, che rimangono tutte saldamente in mano al Sindaco.

“E’ vergognoso che percepiscano l’indennità e non svolgano le funzioni di incarico – dice De Santis. -Biondi  revochi gli assessori e faccia un rimpasto,  in un paese normale si andrebbe in Comune con i forconi. Che hanno fatto in questi due mesi ? Chi non può svolgere le proprie funzioni non può neanche percepire l’indennità”.


Print Friendly and PDF

TAGS