Covid-19, Decreto Ristori: processi penali d’appello senza intervento fisico delle parti

di Redazione | 10 Novembre 2020 @ 10:10 | LA LEGGE E LA DIFESA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Per fronteggiare la diffusione della pandemia covid-19 anche all’interno dei tribunali, l’articolo 23 del Decreto Ristori prevede che i processi penali d’appello si svolgano in camera di consiglio senza l’intervento fisico delle parti, a meno che sia stata disposta la rinnovazione dell’istruttoria dibattimentale, o siano le stesse a chiedere di partecipare in presenza. La richiesta di discussione orale, deve essere formulata dal difensore o dal pm, entro il termine  di 15 giorni prima dell’udienza, per iscritto.

La richiesta avverrà per via telematica da parte del Pm alla cancelleria competente che, poi, inoltrerà l’atto  ai difensori delle altre parti i quali, entro cinque giorni dall’udienza, hanno la possibilità di trasmettere le loro conclusioni. Nello stesso modo verrà effettuata anche la comunicazione ai giudici. 

Tutte queste disposizioni non si applicano alle udienze già fissate entro il termine di 15 giorni dall’entrata in vigore del Dl Ristori.


Print Friendly and PDF

TAGS