Covid, nuova organizzazione per l’assistenza domiciliare ai positivi

Da domani, venerdì 1 luglio, cambia il modello organizzativo dell’assistenza territoriale. Le attività finora svolte dalle Usca saranno gestite dalle quattro Ucat aziendali

di Redazione | 30 Giugno 2022 @ 11:34 | SALUTE E ALIMENTAZIONE
usca
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Da domani, primo luglio, cambia il modello organizzativo dell’assistenza territoriale per i positivi al Covid-19. Lo comunica l’Assessorato regionale alla Salute.

Come previsto dalla legge di bilancio dello Stato 2022, scade infatti la proroga concessa per le attività delle Usca, le unità istituite ad aprile 2020 per la presa in carico, l’assistenza e il monitoraggio dei pazienti positivi al virus che non necessitavano di ricovero ospedaliero. Le attività finora svolte dalle Usca saranno gestite dalle quattro Ucat aziendali (le unità di coordinamento dell’assistenza territoriale), con ciascuna Asl che rimodulerà l’organizzazione e l’accesso ai servizi, riassorbendo anche parte del personale finora impiegato il cui incarico temporaneo scade oggi. La nuova organizzazione resterà attiva nelle more della prossima attivazione delle Uca (le unità di continuità assistenziale), anch’esse previste da un recente decreto ministeriale.

 


Print Friendly and PDF

TAGS