Covid, le Regioni chiedono al Governo nuovi parametri per le fasce di rischio

di Redazione | 14 Maggio 2021 @ 11:27 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

ROMA – Le regioni spingono per le riaperture.

E così le Regioni chiedono nuovi parametri semplificati per determinare le diverse fasce di rischio, a partire dal superamento dell’indice Rti.

La richiesta è quella di considerare, per l’attribuzione dei colori alle Regioni, l’incidenza settimanale e la percentuale di posti letto occupati dai pazienti Covid negli ospedali (ragion per cui si parla piuttosto di Rt ospedaliero). L’idea è quella di adottare i nuovi indicatori semplificati a partire da metà giugno.

Quindi c’è attesa per questo pomeriggio, quando l’Istituto superiore di sanità pubblicherà il nuovo monitoraggio sull’andamento della situazione epidemiologica a cui seguirà l’ordinanza del ministro Speranza con i cambi di colore per le Regioni, perché a breve potrebbe cambiare il “meccanismo” dello stesso monitoraggio.

Il Governo potrebbe recepire le richieste delle Regioni, in vista dell’arrivo dell’estate e del possibile arrivo di turisti.

Il “meccanismo” che vogliono utilizzare le Regioni per l’indice Rti è quello più semplificato chetiene conto principalmente dell’incidenza settimanale e della percentuale di posti letto occupati dai pazienti Covid negli ospedali. Per questo motivo si parla di Rti ospedaliero piuttosto che l’indice Rt così come è stato considerato finora: in sostanza, dal momento che una diffusione tra la popolazione più giovane non è considerata preoccupante, si chiede di tenere più in considerazione l’impatto del contagio negli ospedali, che la trasmissione di per sé.

Nelle Regioni con un’incidenza superiore ai 250 casi ogni 100 mila abitanti, quindi dove la situazione è più grave, ogni settimana si dovranno eseguire almeno 500 tamponi, sempre ogni 100 mila abitanti. Infine, le Regioni chiedono anche di ripensare le tempistiche con cui le Regioni devono rimanere in una certa fascia di rischio prima di poter cambiare colore, riducendo la permanenza obbligatoria da due settimane a una sola.

 


Print Friendly and PDF

TAGS