Coronavirus, Pezzopane: “Attacchi bugiardi a Governo su Mes, giuste parole di Conte”

di Redazione | 11 Aprile 2020, @07:04 | ATTUALITA'
Stefania pezzopane
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Molti a commentare l’ormai famoso Mes, fino a ieri sconosciuto ai più. Forse è bene fare chiarezza, perché si leggono e si ascoltano notizie del tutto infondate, vere e proprie bugie che confondono le persone, disperate ed impaurite dalla pandemia”.

Così la deputata Pd Stefania Pezzopane sulla polemica che si è scatenata in Italia nei scorsi giorni sul Mes.

“È bene sapere – scrive in una nota – che il 25 marzo 2011 il Consiglio europeo ha adottato la modifica della parte terza del trattato sul funzionamento dell’Unione europea all’Articolo 136, per cui ‘gli Stati membri la cui moneta è l’euro possono isti­tuire un meccanismo di stabilità (Mes) da attivare ove indispensa­bile per salvaguardare la stabilità della zona euro nel suo insieme. La concessione di qualsiasi assistenza finanziaria necessaria nell’ambito del meccanismo sarà soggetta a una rigorosa condizionalità”.

Pezzopane aggiunge che “fu il quarto governo Berlusconi durante il Consiglio dei Ministri n. 149 del 3 agosto 2011 ad approvare il provvedimento del disegno di legge di ratifica della decisione del Consiglio europeo che modifica l’articolo 136 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea relativamente ad un meccanismo di stabilità, il Mes, nei Paesi la cui moneta è l’euro”.

“Il governo Berlusconi – prosegue Pezzopane – , in carica dall’8 maggio 2008 al 16 novembre 2011, era sostenuto dal Popolo della Libertà e dalla Lega Nord. Giorgia Meloni, in quegli anni componente del gruppo parlamentare del PdL, è stata Ministro per la gioventù fino alla caduta del governo. Mario Monti fu incaricato di formare un nuovo governo il 16 novembre 2011 e ottenne la fiducia della Camera il 18 novembre: Giorgia Meloni favorevole. Ed il trattato Mes è stato firmato nel febbraio 2012 durante i primi mesi del Governo Monti come conseguenza della decisione del Governo dove Berlusconi era presidente del consiglio, la Meloni era Ministro e Viorgetti della Lega fu relatore in Parlamento”.

“In sintesi, con questa breve ma inconfutabile cronistoria voglio provare a fugare ogni dubbio sulla nascita del Mes. Il governo Conte ha chiesto la modifica del Mes e sta ottenendo i primi straordinari risultati. Se siamo nel Mes è proprio grazie a chi ora sbraita ed urla contro il governo addirittura con accuse di alto tradimento, ma a tradire gli italiani purtroppo sono proprio quelle forze politiche che inneggiano lo slogan ‘prima gli italiani’ e poi si alleano in Europa con i partiti sovranisti di Olanda ed Ungheria che si oppongono alle modifiche al Mes. Ringrazio il presidente Conte che ha reagito alle menzogne ed ha difeso il prestigio del governo e del Parlamento. Lo invito ad andare avanti con i ministri Gualtieri ed Amendola, in questa difficile ma determinante trattativa in Europa per il bene del nostro paese”, conclude.


Print Friendly and PDF

TAGS