Coronavirus: per i bimbi di Fossa e Poggio Picenze circa 180 uova di Pasqua donate dai comuni

di Redazione | 08 Aprile 2020 @ 07:18 | ATTUALITA'
Il meteo
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Priorità ai bisognosi, in questi tempi di emergenza sanitaria. A quanti abitano da soli e sono in difficoltà per motivi di salute o economici. Ma l’attenzione delle istituzioni locali spesso va oltre e viene indirizzata anche sui più piccoli, in questo periodo costretti a stare in casa senza poter uscire e vedere i loro amici.

Anche nei paesi di Poggio Picenze e Fossa dove in occasione delle imminenti festività, le amministrazioni comunali hanno proprio per questo deciso di donare un uovo di Pasqua a ogni bambino residente in uno dei due comuni e nato a partire dal 2009.

Le uova, circa 180, saranno quelle prodotte dalla Fabbrica di cioccolato Glober dolciaria, situata al confine tra i due borghi, e saranno distribuite a domicilio a partire dai prossimi giorni.

“Con questa iniziativa – spiegano i sindaci Antonello Gialloreto e Fabrizio Boccabella -, abbiamo voluto far sentire la nostra vicinanza ai bambini e a tutte le famiglie, che stanno attraversando un periodo particolarmente difficile, anche valorizzando i prodotti di un’azienda locale che, come molte sul territorio, sta risentendo di tutti gli effetti negativi dell’emergenza sanitaria in corso”.

Qualche settimana fa, La Fabbrica di Cioccolato ha infatti deciso di chiudere autonomamente i battenti e mettere in cassa integrazione i dipendenti per motivi di sicurezza, nonostante i decreti ministeriali consentissero alle attività di generi alimentari di rimanere aperte.

Al contempo, i titolari hanno però deciso di attivare la vendita online dei propri prodotti in magazzino. Tra questi, anche le uova di cioccolato finissimo che, a partire dalle prossime ore, saranno recapitate dalle amministrazioni nelle case dei piccoli residenti di Fossa e Poggio Picenze.

“In questi giorni complessi – hanno aggiunto i sindaci -, i più piccoli stanno collaborando insieme agli adulti affinché tutto possa andare per il meglio e la Pasqua rappresenta la giusta occasione per regalare loro un po’ di spensieratezza e normalità”. (m.s.)


Print Friendly and PDF

TAGS