Coronavirus: partono test del vaccino anti-tubercolosi

di Redazione | 23 Marzo 2020, @06:03 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

ROMA – È al nastro di partenza in quattro Paesi la sperimentazione, su medici e infermieri, del vaccino anti-tubercolosi per combattere il coronavirus.

L’avvio dei test, reso noto dalla rivista Science sul suo sito, è poco ortodosso in quanto si prova su un’infezione virale un vaccino nato un secolo fa per combattere un’infezione batterica.

A incoraggiare la decisione sono stati gli effetti positivi che il vaccino ha dimostrato di esercitare sul sistema immunitario, mobilitando le principali difese.

Dopo uno studio preliminare condotto in Grecia, nell’università di Atene, l’università olandese di Utrecht ha già reclutato mille individui sani nel personale sanitario in servizio in otto ospedali e intende partire con la sperimentazione in settimana; altri test sono in programma in Australia, nell’università di Melbourne, e in Germania tramite l’Istituto Max Planck sulla Biologia delle infezioni.

Il vaccino si chiama Bacillus Calmette-Guérin (Bcg), dai nomi dei microbiologi francesi Albert Calmette e Camille Guérin che l’avevano ottenuto, e si basa sul Mycobacterium bovis attenuato, un parente stretto del batterio responsabile della tubercolosi, il Mycobacterium tuberculosis. In molti Paesi viene somministrato ai bambini entro il primo anno di vita e ha dimostrato di prevenire in media il 60% dei casi.


Print Friendly and PDF

TAGS