Coronavirus: il fai da te delle mascherine

Essendo introvabili sono in molti a ricorrere all’autoproduzione

di Redazione | 13 Marzo 2020, @11:03 | Pillole social (di tutto di più)
Print Friendly and PDF

Le mascherine sono esaurite e soprattutto quelle sanitarie sono ormai introvabili, se reperibili sul web, quando disponibili, possono avere anche prezzi esorbitanti.

Al via quindi una gamma di soluzioni fatte in casa con materiali semplici e metodi casalinghi. Un po’ come è successo con l’amuchina.

Sulla loro reale utilità molti medici convengono che possono essere d’aiuto in quanto l’importante è tenere le vie aeree – naso e bocca – coperte. E che, dunque, non c’è da temere se le mascherine Ffp2 o Ffp3 sono ormai introvabili. Ciò che conta è isolare quanto più possibile l’aria dell’ambiente esterno dalle mucose di naso e gola.

Uno dei più gettonati usa carta da forno, un paio d’elastici, una spillatrice, forbici e un righello. 

Un altro metodo utilizza la carta in rotoli da pulizia, ripiegata, sempre con gli elastici appuntati con la spillatrice, con la quale si fissa alla carta anche un taglio di garza sterile da medicamento come protezione.


Print Friendly and PDF

TAGS