Coronavirus: Fratelli d’Italia e Gioventù Nazionale L’Aquila: “Seguite appello Regione Abruzzo, non smettete di donare il sangue”

di Redazione | 15 Marzo 2020, @11:03 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Seguite appello Regione Abruzzo, non smettete di donare il sangue”.
 
È l’appello rivolto ai cittadini da Michele Malafoglia e Margherita Paoletti, i portavoce di Fratelli d’Italia e Gioventù Nazionale L’Aquila.
 
“La paura del contagio ha dimezzato le donazioni a livello nazionale – dicono in una nota -, timore che però è infondato in quanto ad oggi, per quanto riguarda il Covid19, non c’è alcun rischio di trasmissione trasfusionale documentato: il coronavirus infatti si trasmetterebbe per via aerea, e non sanguigna”.
 
“La Regione Abruzzo ha stilato uno speciale vademecum per i donatori, in cui vengono riportate tutte le misure di sicurezza adottate non solo a tutela del donatore stesso, ma di tutto il sistema di raccolta sangue – si legge nella nota -. Dopo una prima preselezione dei donatori al momento della prenotazione della donazione segue l’accesso ai centri di raccolta controllati e gestiti con orari differenziati, così da evitare assembramenti in sala d’attesa. Segue la fase di accoglienza con valutazione anamnestica e misurazione della temperatura corporea. Nelle sale d’attesa sono disponibili dispensatori di gel a base idroalcolica e la sanificazione dei locali viene effettuata giornalmente secondo le procedure ministeriali”.
 
Malafoglia e Paoletti invitano quindi “a seguire le indicazioni della Regione Abruzzo e del Centro Regionale Sangue: se siete sani e non vi siete esposti al rischio di contagio, andate a donare, aiuterete qualcuno”.
 
“Non dovete temere di incorrere in sanzioni dovute alle misure restrittive imposte dal governo – concludono Malafoglia e Paoletti – in quanto è stato stabilito che la donazione di sangue ed emocomponenti rientra tra le -situazioni di necessità-. Donare si può, donare si deve”.

Print Friendly and PDF

TAGS