Coronavirus e coppie in crisi: i consigli dell’esperta per vivere la quarantena senza rischiare il divorzio

di Mariangela Speranza | 20 Aprile 2020, @07:04 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Costrette a vivere 24 ore su 24 insieme, molte coppie rischiano di scoppiare.

Il momento è difficile per tutti e paura, stress e frustrazioni riguardo al virus non aiutano di certo. È inoltre notizia di qualche giorno fa che Xi’an, in Cina, dopo le settimane di imposta clausura, si sia stato registrato in questi giorni il record nelle richieste di divorzio e anche in Italia, come nel resto del mondo, il fenomeno sembra sia destinato a esplodere.

La convivenza prolungata può infatti generare difficoltà di comprensione, anche nei rapporti più consolidati. Se alla difficile esperienza dell’isolamento volontario, si aggiungono anche le problematiche che già influivano sui rapporti personali, la situazione si aggrava ancora di più. Soprattutto per quelle coppie che già prima dell’emergenza sanitaria soffrivano di problemi come la crisi economica, il processo di separazione già in atto o anche l’infedeltà.

Come fare ad affrontare questi giorni di lockdown? Nell’attesa di capire se il boom di richieste di divorzi in Cina sia dovuto al lockdown o al fatto che gli uffici preposti siano rimasti chiusi per molto tempo, portando semplicemente ad un accumulo di pratiche nei giorni immediatamente successivi alla riapertura delle strutture, la dottoressa Claudia Petrilli, psicologa e sessuologa ad approccio cognitivo-comportamentale, ci dà qualche suggerimento per ridimensionare quegli stati d’animo che potrebbero mettere in discussione i rapporti.

“Trovarsi costretti a condividere uno spazio fisico limitato per molto tempo è sicuramente un fattore di rischio all’interno di qualsiasi tipo di relazione – spiega a L’Aquila Blog -. Mancanza di spazi, di autonomia, costante presenza dell’altro, mancanza di momenti da dedicare a se stessi possono determinare nervosismo, liti e possono essere un fattore di rischio per la ‘tenuta’ delle coppie, anche delle più solide. In casi eccezionali come quello che stiamo vivendo poi, gli stati d’animo che ci troviamo ad affrontare sono particolarmente pesanti e la tendenza a riversare ansie, paure e frustrazioni sulla persona che ci sta vicino diventa inevitabile”.

Un problema che, sempre secondo la psicologa aquilana, potrebbe riguardare tutte le coppie, dalle più giovani in cui magari la scarsa conoscenza e la poca stabilità del rapporto possono non reggere all’impatto di una situazione così estrema, a quelle più navigate in cui i problemi possono essere di natura diversa: noia, routine e conflitti preesistenti possono esacerbarsi a causa della convivenza forzata”.

È molto raro infatti che due persone si trovino ad affrontare insieme intere giornate in casa e adesso e, proprio per questo, aggiunge la psicologa, “la routine quotidiana andrebbe riorganizzata, stabilendo ruoli, compiti, tempi e attività da svolgere insieme e separatamente”.

“Nonostante la vicinanza inevitabile – dice  – sarebbe importante che ciascun partner riuscisse a mantenere uno spazio personale sia fisico che mentale per dedicarsi alle attività che è abituato a portare avanti e per mantenere un momento di confronto con se stesso in cui rielaborare le proprie emozioni senza per forza ‘vomitarle’ addosso all’altro. Condividere gli stati d’animo, confrontarsi è importante, soprattutto se la coppia è in salute e rappresenta quindi una risorsa, ma senza cadere nella tentazione di far carico all’altro di tutti gli stati d’animo negativi da cui ci si sente oppressi”.

E lo stesso vale dal punto di vista delle relazioni sociali esterne alle coppia.

“A tal proposito – spiega ancora la psicologa -, sarebbe importante continuare a frequentare amicizie e reti sociali, nei modi consentiti, in maniera individuale, mantenendo lo spazio al di fuori della coppia intatto, allo scopo di non sentirsi oppressi dal rapporto col partner, che rischierebbe al contrario di diventare l’unico rapporto possibile, cosa non sana per la coppia”.


Print Friendly and PDF

TAGS