Coronavirus: Brusaferro, ISS “seconda ondata ormai certa”

Anche l'immunologo Le Foche paventa una seconda ondata a dicembre.

di Redazione | 12 Giugno 2020 @ 12:12 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’Istituto Superiore di Sanità sono convinti di una seconda ondata di contagi da Covid 19.

A parlare di questa previsione è Francesco Le Foche, docente in convenzione sanità presso La Sapienza di Roma e primario di immuno-infettivologia al day hospital del Policlinico Umberto I di Roma che sul Corriere della Sera afferma: “Non si può prevedere con certezza. Abbiamo a che fare con un virus nuovo, che ha un comportamento sorprendente. La seconda ondata potrebbe arrivare a dicembre, col freddo. Il virus deve avere il tempo di rialzare la testa dopo essere stato fermato dal lockdown. A luglio verosimilmente la circolazione sarà ancora più ridotta di adesso. Non credo che a settembre-ottobre l’epidemia sarebbe già in grado di riprendersi proprio per il limitato spazio temporale“. 

Per l’immunologo, inoltre, la chiave del successo è evitare che i pazienti infetti arrivino in ospedale attraverso la creazione di percorsi di cura alternativi, una strategia che – dice Le Foche finora non è stata applicata. 

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Silvio Brusaferro, presidente dell’ISS, in Commissione Bilancio che paventa la stessa ipotesi in una dichiarazione riportata in video.


Print Friendly and PDF

TAGS