Coronavirus: attiva all’Aquila una linea di aiuto per il supporto psicologico

L’iniziativa è frutto della collaborazione tra dipartimento Salute mentale della Asl e Comune

di Redazione | 17 Marzo 2020, @11:03 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – E’ attiva da oggi una linea telefonica di supporto psicologico, grazie all’intesa tra il dipartimento di Salute mentale dell’Asl1 Avezzano-Sulmona-L’Aquila e il Comune dell’Aquila.

Ne danno notizia il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, il direttore della Asl, Roberto Testa, e il direttore del Dipartimento, Alessandro Rossi.

Per poter comunicare difficoltà psicologiche, le persone possono contattare un operatore del dipartimento, contattando il numero 3315371806 (anche sms e WhatsApp) al quale risponderà il Centro di Salute Mentale che, grazie a personale specializzato, potrà offrire assistenza e accoglienza, ascolto e conforto professionale. Si potrà chiamare dal lunedì al venerdì, dalle ore 10 alle ore 16.

“In tempo di pandemie, dove viene chiesto alla comunità di modificare rapidamente le proprie abitudini di vita, possono manifestarsi segni di disagio. È assolutamente normale che accada – ha spiegato Rossi – Contattiamo amici e persone a noi care per un supporto utile a superare le difficoltà. O il medico di famiglia, anche se in questo momento il Servizio Sanitario è fortemente oberato. Ma in queste fasi, il sostegno psicologico diventa determinate”.

I servizi del Comune e il dipartimento hanno studiato una formula semplice di aiuto, che avrà il compito di colmare vuoti e lenire sofferenze. “La collaborazione con la Asl dell’Aquila è funzionante. Gli obiettivi di servizio e ausilio sono gli stessi. Là dove non arriva l’ente locale, interviene l’organizzazione sanitaria – ha aggiunto il sindaco Biondi, che è anche presidente del comitato ristretto dei sindaci della ASL – In questo momento dobbiamo informare, mettere insieme le energie, non lasciare da soli i nostri concittadini. Per questo ringrazio il direttore Testa, il professor Rossi e l’intero dipartimento, per essersi messi, ancora una volta, a disposizione della comunità”.


Print Friendly and PDF

TAGS