Conto alla rovescia a Civita D’Antino (AQ) per “InQuadrando Paesaggi. Percorsi d’arte lunghi un secolo”

di Redazione | 27 Giugno 2024 @ 10:51 | EVENTI
Print Friendly and PDF

CIVITA D’ANTINO – Conto alla rovescia per l’ottava edizione di “InQuadrando Paesaggi. Percorsi d’arte lunghi un secolo”, la rassegna culturale e artistica che si svolgerà sabato 29 e domenica 30 all’interno del centro storico di Civita d’Antino. I vicoli del borgo rovetano, oltre a trasformarsi in un museo diffuso a cielo aperto, saranno cornici di spettacoli teatrali e musicali itineranti.

Tra questi “Uomini senza radici” della compagnia Teatranti Tra Tanti, in collaborazione con I Briganti di Cartore e i Menestrelli del Cicolano, che sarà di scena sabato pomeriggio tra le 16.30 e le 18. A seguire sarà, inoltre, proiettata la partita di calcio degli Europei Italia-Svizzera presso la pista “Il Giardino degli artisti”. Uomini senza radici ma con destinazioni ben chiare.

Tali sono stati nella seconda metà dell’800 i pittori europei che hanno scelto l’Abruzzo come meta del loro Grand Tour. Fra essi spiccano Edward Lear e Kristian Zahrtmann, l’uno inglese e l’altro danese, per il loro amore sconfinato verso quella che è poi diventata la loro regione d’adozione: l’Abruzzo.

Questi stranieri protagonisti, assieme a personaggi del luogo, daranno vita ad uno spettacolo teatrale che sarà capace di avvolgere il pubblico nelle dinamiche del Grand Tour e nelle motivazioni che hanno spinto tanti pittori a scegliere l’Abruzzo come meta del loro viaggio artistico: amore per la gente, per i luoghi, per la cucina, per la pace che si respirava. Pace che veniva turbata dalle incursioni dei briganti e che fu interrotta drasticamente dal terremoto del 1915. Diversi spunti teatrali per un unico fil rouge narrativo, uomini senza radici ma con un unico grande amore: l’Abruzzo e la sua libera espressione.


Print Friendly and PDF

TAGS