Contact center Inps, a L’Aquila nuovo vertice in Prefettura

di Redazione | 04 Aprile 2022 @ 16:49 | ATTUALITA'
contact center inns
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Si è tenuta oggi una riunione convocata dal Prefetto dell’Aquila Dott.ssa Torraco per la vertenza del Contact Center Inps che a L’Aquila occupa oltre 500 operatori messi a rischio dalla stessa Inps.” Lo si apprende da una nota di Venanzio Cretarola, Segretario UGL Telecomunicazioni Abruzzo.

“Erano presenti l’Assessore regionale al Lavoro Quaresimale e il Sindaco dell’Aquila Biondi, oltre alle 4 organizzazioni sindacali. Abbiamo aggiornato il Prefetto e le istituzioni sul comportamento irresponsabile di Inps che continua nella strada della negazione della Clausola Sociale di garanzia occupazionale per la procedura di assunzione da parte della sua società partecipata, nonostante le diverse sentenza e gli indirizzi del Parlamento e delle Istituzioni locali abruzzesi che concordano con la nostra richiesta di legalità e di impegno per la qualità del servizio pubblico.

Inps soprattutto continua ad imporre un vero e proprio blocco del servizio con cadenza oraria, per 10-15 minuti, il servizio pubblico con il pretesto di inesistenti obblighi di legge, ottenendo contestualmente di avere potere di spesa illimitata per gli affidamenti a privati di servizi informatici.

Abbiamo soprattutto evidenziata l’illegittima pretesa del Presidente Tridico di escludere dall’internalizzazione del servizio 103 lavoratori aquilani operatori Inps che per anni hanno in minima parte lavorato anche per l’Agenzia delle Entrate. Un sopruso illegittimo campato in aria.

Abbiamo infine reso noto che – mentre qui chiediamo l’applicazione della Clausola sociale – il Consiglio dei Ministri ha approvato il 9 marzo scorso un Disegno di Legge Delega con cui si abolisce l’obbligo della Clausola per tutti gli Enti Pubblici. Ci aspettiamo quindi che tutti i Parlamentari e le Forze politiche abruzzesi si impegnino subito per eliminare questo ennesimo attacco all’occupazione. Ugl ha annunciato a tale scopo una grande campagna a livello nazionale.”

 


Print Friendly and PDF

TAGS