Consorzio bonifica, da esami acque salmonella in reti irrigue di Fossa e Villa Sant’Angelo

di Redazione | 28 Giugno 2020 @ 10:31 | CRONACA
Print Friendly and PDF

PRATOLA PELIGNA – Il Consorzio di Bonifica Interno Bacino Aterno e Sagittario, che gestisce le reti irrigue di parte dell’Aquilano, Valle del Tirino, bassa Valle dell’Aterno e Valle Peligna, in collaborazione dell’Istituto zooprofilattico sperimentale dell’Abruzzo e del Molise ha ripetuto gli esami per il monitoraggio delle acque irrigue del comprensorio consortile in agro della Valle dell’Aquilano e con l’occasione ha eseguito il primo controllo delle acque irrigue nella Valle Peligna.

Gli accertamenti ripetuti nella Valle Aterno, in data 15 giugno, nei medesimi sei punti in cui era stata evidenziata la salmonella – informa una nota – hanno dato esito favorevole in quattro punti di prelievo, ma in due punti è stata rimarcata ancora la “presenza di salmonella spp”.

I punti interessati sono il Punto NRG 72387 (Fiume Aterno in località Ponte Vallone nel comune di Fossa) e il Punto NRG 72400 (Fiumetto di Fossa ultima derivazione a scopo irriguo nel comune di Villa Sant’Angelo).

Nella stessa giornata del 15 giugno, nella Valle Peligna si è provveduto a campionare in sei punti.

Gli esiti del campionamento nella Valle Peligna hanno dato risultato favorevole su tutti i punti.

Il piano per il monitoraggio delle acque irrigue sarà ripetuto il 29 giugno nei punti che sono risultati positivi nella Valle Aterno al prelievo del 15 giugno a cui il Consorzio ha ritenuto opportuno inserire ulteriori 10 prelievi di cui 4 nella Valle Aterno e 6 nella Valle Peligna.

Si precisa che laddove nel II o III campionamento l’esito risultasse negativo rispetto ai precedenti non verrà effettuato nuovo campionamento, diversamente saranno nuovamente ripetuti.

“Il Consorzio ha provveduto ad informare i sindaci dei Comuni interessati, il Dipartimento di
Prevenzione della Asl 1, l’Arta Abruzzo, il prefetto dell’Aquila, i servizi della Regione Abruzzo con
competenza sulla qualità delle acque, Sicurezza Ambientali e le associazioni agricole più rappresentative”, afferma in una nota il commissario Sergio Iovenitti.


Print Friendly and PDF

TAGS