Consiglio regionale, nasce il servizio dello ‘psicologo di base’

di Marianna Gianforte | 28 Settembre 2022 @ 06:15 | POLITICA
Inchiesta sanità Pescara
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – E’ senz’altro l’istituzione dello ‘psicologo di base’ il provvedimento più atteso tra quelli approvati ieri dal Consiglio regionale. Sponsorizzato dal presidente del Consiglio Lorenzo Sospiri, che già a gennaio aveva annunciato che sarebbe stato uno degli obiettivi da raggiungere a breve termine per dare una risposta immediata alle tantissime persone psicologicamente colpite dalla pandemia da Covid-19, che nei due anni di emergenza sanitaria ha sconvolto le certezze di tanti. Dunque, la legge ‘Istituzione del servizio di psicologia di base ed ulteriori disposizioni’ è una realtà. Il testo istituisce, in particolare il servizio di psicologia di base con la finalità di sostenere e integrare l’azione dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta nell’intercettare e rispondere ai bisogni assistenziali di base dei cittadini abruzzesi. Sarà realizzato da ciascuna Asl a livello dei distretti sanitari di base e svolto da psicologi liberi professionisti a rapporto convenzionale. In ciascuno dei 25 distretti abruzzesi le attività di psicologia delle cure primarie sono erogate da almeno uno psicologo di base in sinergia con le strutture del distretto di appartenenza, mentre in ciascuna Asl è istituito l’elenco degli psicologi delle cure primarie. Sarà inoltre costituito un tavolo tecnico regionale per la verifica, il monitoraggio e controllo qualitativo dell’assistenza psicologica. Il provvedimento prevede uno stanziamento di 400 mila euro per ciascuna annualità del triennio 2022-2024.

“LO PSICOLOGO DI BASE UN AIUTO PER LE FRAGILITA’ EMERSE CON LA PANDEMIA”

“Lo stravolgimento delle abitudini di vita e il protratto timore per la propria salute sperimentati durante la pandemia, hanno fatto emergere molte fragilità psicologiche. Tanti cittadini, anche adesso che la fase critica dell’emergenza è scemata, hanno maturato patologie e disturbi che condizionano pesantemente il loro vivere. La legge che istituisce il servizio di psicologia di base, approvata oggi in Aula, vuole aiutare queste persone e creare un sistema virtuoso di assistenza sanitaria pubblica aggiuntiva”. Il presidente del Consiglio regionale dell’Abruzzo, Lorenzo Sospiri, commenta così il voto unanime alla norma che intende sostenere e integrare l’azione dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta nell’intercettare e rispondere ai bisogni assistenziali di base dei cittadini abruzzesi.

“Si tratta di un’importante legge per colmare una lacuna legislativa non più rinviabile – commenta il capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Vincenzo D’Incecco – soprattutto dopo lo stress psicologico accentuato dalle difficoltà pandemiche come lockdown, distanziamenti sociali e restrizioni della libertà personale. Sono contento di essere uno dei primi firmatari di questa legge perché migliorerà il benessere psicofisico degli abruzzesi”.

GARANTITA LA COPERTURA TOTALE DELLE BORSE DI STUDIO

Importante e attesa anche l’approvazione del contributo in favore delle aziende per il diritto allo studio per l’erogazione di borse di studio in favore degli aventi diritto (quasi 2 milioni di euro). “Dopo anni di parziale finanziamento delle borse di studio a favore degli studenti abruzzesi, oggi approviamo un emendamento che copre il 100% di questo fondamentale sostegno ai nostri giovani per la garanzia del diritto allo studio”, ha commentato Sospiri, a margine della votazione unanime dell’assemblea nella seduta consiliare di oggi. Il provvedimento impegna la Fira (finanziaria regionale abruzzese) a trasferire 1,9 milioni di euro alle aziende per il diritto agli studi universitari d’Abruzzo.

GLI ALTRI PROVVEDIMENTI 

Nel corso della seduta di ieri in Consiglio regionale sono stati discussi anche i seguenti documenti.

Interpellanza a firma del consigliere Stella recante: “Criticità del U.O. di Cardiochirurgia del P.O. “SS. Annunziata” di Chieti”; interpellanza a firma dei consiglieri Taglieri e Smargiassi recante: “Discarica di rifiuti nel comune di Montazzoli”; interpellanza a firma del consigliere Pettinari recante: “Gravissima crisi economica di Caramanico Terme e del territorio tra la Valle dell’Orta e la Valle dell’Orfento”.

Con i voti favorevoli della maggioranza è stato approvato il provvedimento amministrativo “Disavanzo di amministrazione al 31 dicembre 2014 e al 31 dicembre 2015. Determinazioni in ordine al nuovo piano di rientro ex art. 1, commi 779 e seguenti, Legge 27 dicembre 2017, n. 205, a seguito della Sentenza della Corte Costituzionale n. 235/2021, della Delibera della Corte dei Conti n. 76/PARI/2022 e della intervenuta approvazione con legge regionale dei Rendiconti della Gestione per gli esercizi dal 2016 al 2020”.

Approvati inoltre una serie di interventi, quali: il finanziamento per l’associazione “L’Abruzzo in Europa” (40mila euro);  contributo all’associazione “Famiglia abruzzese” (10mila euro); modifica alle norme sull’attività edilizia, con il recupero ai fini residenziali dei sottotetti consentito negli edifici realizzati successivamente al 31 dicembre 2021; contributi per il museo della Perdonanza (100 mila euro), per la Fondazione Di Persio-Pallotta – Museo dell’Ottocento (200 mila euro), per la Cultura (750 mila euro), per il Sistema funiviario (550 mila euro), per interventi di rigenerazione urbana nei Comuni di Francavilla al Mare (50 mila euro), Vasto (40 mila) e Opi (10 mila euro), per la formazione personale ferroviario Its Ortona (150 mila euro), per il Comprensorio turistico – valorizzazione sentieri del Voltigno (100 mila euro), per il Progetto Movete (300 mila euro). Rinviata la discussione del Progetto di Legge “Disposizioni in materia di promozione e sostegno alla cultura”.  Licenziato, infine, il Provvedimento amministrativo “Programma Triennale della Viabilità Regionale 2008-2010. Deliberazione n. 101/4 del 29.04.2008. Intervento n. 1, Tab. B4, annualità 2009 – Provincia di Teramo. Rimodulazione parziale”. Il provvedimento riguarda interventi di manutenzione sulle infrastrutture viarie per un importo complessivo di 2.697.812 euro.

TAGLIERI E SMARGIASSI (M5S): “DOPO TRE ANNI DALLA NOSTRA DENUNCIA NON E’CAMBIATO NULLA, LA SITUAZIONE E’ ADDIRITTURA PEGGIORATA”

“Non è cambiato nulla, anzi la situazione è addirittura peggiorata, le condizioni di quel tratto di strada sono vergognose” cosi il Capogruppo del M5S Francesco Taglieri e il consigliere regionale Pietro Smargiassi sulla situazione della discarica di Montazzoli, oggetto di un’interpellanza discussa ieri in Consiglio Regionale. “Abbiamo denunciato la presenza di rifiuti interrati e visibili solo parzialmente già tre anni fa, abbiamo portato il caso in Consiglio regionale con un’interpellanza discussa nell’ultima seduta ma distanza di tutto questo tempo l’Assessore Campitelli non è stato capace di dare alcuna risposta e di fatto nella sua risposta si evince che la Regione Abruzzo non è a conoscenza di che tipo di rifiuti ci sono e quali sono i possibili rischi per la salute pubblica. A quanto abbiamo appreso la soluzione messa in campo fin ora è quella di delimitare il tratto con due transenne e un cartello che indica di non buttare i rifiuti. Una situazione inaccettabile su cui continueremo a tenere alta l’attenzione. Purtroppo – concludono Taglieri e Smargiassi – ancora una volta il centrodestra abruzzese si dimostra miope e poco attento all’ambiente”.

LAVORO. ICO ALANNO, PAOLUCCI E BLASIOLI: PROROGA CASSA INTEGRAZIONE, SERVE TAVOLO MINISTERIALE

 “Per la Ico di Alanno c’è l’impegno dell’esecutivo, emerso durante la conferenza dei capigruppo del Consiglio regionale aperta oggi ai rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil, che come centrosinistra abbiamo richiesto e supportato”. A riferirlo sono il capogruppo e il consigliere regionali Pd Silvio Paolucci e Antonio Blasioli. “Era necessario che la vicenda dei 35 lavoratori dello stabilimento di Alanno potessero avere risposte e qualche speranza di più sul proprio futuro, alla vigilia della conclusione del procedimento di licenziamento che avverrà domenica 2 ottobre e che segue già un anno di cassa integrazione – spiegano i due consiglieri regionali del Pd -. Con le parti sociali abbiamo chiesto agli assessori a Sviluppo economico e Lavoro, Daniele D’Amario e Pietro Quaresimale, che la Regione agevoli un’alternativa all’uscita dal mercato, in primis confermando la continuazione della cassa integrazione. Dopo aver ascoltato le legittime richieste dei lavoratori, oggi ci è stata anticipata l’apertura da parte della società per ulteriori 12 settimane di cassa integrazione, l’auspicio è quello di dare coperture agli interessati fino a dicembre”.

“Nel frattempo – continuano i consiglieri regionali del Pd – potremo continuare a lavorare sulla formazione del personale affinché le professionalità interessate dalla misura possano essere recuperate nelle altre sedi della Ico, superando così l’infungibilità sollevata dalla ditta che li costringerebbe alla disoccupazione. Questo affinché la vertenza possa essere considerata unica, quindi comprendere anche le altre articolazioni della ditta e non solo quella di Alanno. Restiamo accanto ai lavoratori e mobilitati perché, in questo frangente, la Regione si attivi con iniziative concrete, a tal fine saremo pronti a sollecitare la convocazione di un tavolo del ministero dello Sviluppo economico, che è luogo operativo e risolutivo, basti pensare che lo stabilimento di Alanno nacque proprio da un tavolo ministeriale quando chiuse la Kimberly Clark. Serve inoltre una decisa presa d’atto da parte della Regione della crisi energetica che questo comparto sta vivendo e che sta portando verso la crisi anche altre realtà, peraltro quello cartaio è fra i settori che assorbono più energia, tant’è che la Burgo di Avezzano la settimana scorsa ha dovuto fermarsi per razionare i costi. Serve un impegno che vada oltre la comunione di intenti”.

 


Print Friendly and PDF

TAGS